Durc: inammissibile la regolarizzazione postuma ai fini della partecipazione alla gara

Durc: inammissibile la regolarizzazione postuma ai fini della partecipazione alla gara

Nella Sentenza n. 4158 del 1°settembre 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici si sono espressi sulla possibilità di regolarizzare il Durc, ritenuto irregolare al momento della presentazione dell’offerta. I Giudici chiariscono che i requisiti di partecipazione ad una procedura selettiva devono essere posseduti alla data della domanda; in particolare, l’assenza del requisito della regolarità contributiva, costituendo condizione di partecipazione alla gara, se non posseduto alla data di scadenza del termine di presentazione dell’offerta, non può che comportare l’esclusione del concorrente non adempiente, non potendo valere la regolarizzazione postuma, quand’anche ricondotta retroattivamente, quanto ad efficacia, al momento della scadenza del termine di pagamento


Related Articles

Durc: il mancato versamento dei contributi del socio accomandatario comporta l’irregolarità e quindi l’esclusione dalla gara

Nella Sentenza n. 176 del 2 marzo 2015 del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, la parte appellante

Iva: soggette le somme versate a seguito di accordi transattivi se conseguenti all’assunzione di un obbligo di non fare/permettere

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 356 del 19 maggio 2021, si è occupata del trattamento

Gare d’appalto: i requisiti devono essere posseduti dai candidati fino alla stipula del contratto

Nella Sentenza n. 3866 del 13 settembre 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici rilevano che nelle gare