Consultazioni europee e amministrative 2019: i chiarimenti del Viminale su tempi e modalità di invio delle rendicontazioni delle spese

Consultazioni europee e amministrative 2019: i chiarimenti del Viminale su tempi e modalità di invio delle rendicontazioni delle spese

Il termine per produrre la rendicontazione delle spese sostenute dai Comuni per le Elezioni scade 4 mesi dopo il giorno in cui si sono svolte le Consultazioni, e pertanto quello relativo alle Europee 2019 scadrà il 26 settembre 2019. A ricordarlo è il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, con la Circolare n. 13 del 27 giugno 2019.

Dopo aver ricordato di aver notificato, con la propria precedente Circolare n. 6 del 2 aprile 2019, la modifica del link di accesso al portale per la trasmissione delle rendicontazioni (paragrafo 6 della medesima Circolare intitolato “Trasmissione degli esiti del controllo dei rendiconti”), il Dicastero ha invitato i Comuni ad accelerare le operazioni rendicontazione al fine di non andare troppo a ridosso del termine suddetto così da consentire al Ministero di procedere al pagamento entro l’anno delle competenze a saldo spettanti ai Comuni a titolo di rimborso spese elettorali. Analogamente, la Circolare invita le Prefetture ad accelerare sulle operazioni di controllo dei rendiconti al fine di trasmettere in via telematica le risultanze delle attività medesima alla Direzione centrale del Ministero non oltre il 10 novembre 2019.

Da parte degli Enti, la trasmissione dei rendiconti oltre il 26 settembre 2019 comporterà di fatto la decadenza del diritto ad ottenere il saldo mentre la mancata produzione del rendiconto, dopo opportuno sollecito, determinerà l’adozione di provvedimenti, ai danni dell’Ente inadempiente, di recupero dell’intero importo attribuito. Mentre, nell’ipotesi in cui all’esito del controllo del rendiconto risulti un minore importo spettante rispetto all’anticipo erogato, la Direzione centrale procederà al recupero delle somme eccedenti.

Il provvedimento ricorda che le spese sostenute per l’invio delle cartoline di avviso per i cittadini residenti all’estero per consultazioni non coincidenti nelle date delle elezioni nazionali sono interamente a carico dello Stato.

Per la trasmissione telematica occorre accedere al Portale del Ministero, alla pagina riguardante la rendicontazione delle spese, nella quale è presente la Sezione relativa alla “Rendicontazione delle consultazioni 26 maggio 2019” e quello relativo alle “Cartoline Avviso (Solo consultazioni amministrative)”; nella prima saranno indicati i dati contabili inerenti alla rendicontazione dello scorso 26 maggio, mentre nella seconda procedura le spese sostenute dai Comuni per le cartoline avviso dei residenti all’estero per le sole Consultazioni amministrative avvenute in date diverse dal 26 maggio 2019.


Related Articles

Bilancio di previsione 2020-2022 degli Enti Locali: termini per l’approvazione prorogati al 30 aprile 2020

E’ stato pubblicato in G.U. n. 50 del 28 febbraio 2020 il Decreto del Ministero dell’Interno 28 febbraio 2020, recante

Fondi a favore degli Enti territoriali: in G.U. il Decreto per la ripartizione delle quote

E’ stata pubblicato sulla G.U. n. 123 del 29 maggio 2017 – Suppl. Ordinario n. 25, il Dpcm. 10 marzo

Fondo rischi e riconoscimento di un debito fuori bilancio

Nella Delibera n. 249 dell’8 novembre 2017 della Corte dei conti Campania, viene chiesto se, anche in presenza di un

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.