Contenzioso tributario: estratti di ruolo relativi a cartelle esattoriali riguardanti tributi non notificati

Contenzioso tributario: estratti di ruolo relativi a cartelle esattoriali riguardanti tributi non notificati

Nell’Ordinanza n. 20611 del 12 ottobre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità ribadiscono il principio secondo cui il contribuente può impugnare la cartella di pagamento della quale, a causa dell’invalidità della relativa notifica, sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal Concessionario della riscossione. A ciò non osta l’ultima parte dell’art. 19, comma 3, del Dlgs. n. 546/92, in quanto una lettura costituzionalmente orientata impone di ritenere che l’impugnabilità dell’atto precedente non notificato unitamente all’atto successivo notificato – impugnabilità prevista da tale norma – non costituisca l’unica possibilità di far valere l’invalidità della notifica di un atto del quale il contribuente sia comunque venuto legittimamente a conoscenza e quindi non escluda la possibilità di far valere l’invalidità stessa anche prima, dal momento che l’esercizio del diritto alla tutela giurisdizionale non può essere compresso, ritardato, reso più difficile o gravoso, ove non ricorra la stringente necessità di garantire diritti o interessi di pari rilievo, rispetto ai quali si ponga un concreto problema di reciproca limitazione.


Related Articles

Dichiarazioni Imu-Tasi “Enc”: disponibile dal 13 febbraio 2017 la nuova versione del Modulo di controllo

Con il Comunicato 13 febbraio 2017, il Ministero dell’Economia e delle Finanze –Dipartimento delle Finanze, ha annunciato che è stato

Ici: un’unità immobiliare è “abitazione principale” solo se dimora abituale non solo del ricorrente ma anche dei suoi familiari

Nell’Ordinanza n. 7436 del 15 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Accertamento: valore probatorio della documentazione

  La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 8605 del 28 aprile 2015, statuisce che l’Amministrazione finanziaria, nella sua attività