Contenzioso tributario: in aumento le controversie, +4,54% nel I trimestre 2015

Contenzioso tributario: in aumento le controversie, +4,54% nel I trimestre 2015

 

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha pubblicato il 30 giugno 2015 il consueto Rapporto sul contenzioso tributario. I dati, che si riferiscono al I trimestre 2015, evidenziano un aumento del contenzioso del 4,54% (pari a +3.429 controversie) rispetto allo stesso periodo del 2014. Tra gennaio e marzo 2015 le controversie di carattere tributario pervenute in entrambi i gradi di giudizio sono state 78.992. Oltre 80.000 quelle definite nello stesso periodo (+0,37% rispetto all’anno precedente).

In particolare, sono aumentati dello 0,30% i ricorsi presso le Commissioni tributarie provinciali e addirittura del 21,85% quelli presso le Commissioni tributarie regionali (per un totale di 18.1079).

Quanto agli esiti, si apprende che nelle Commissioni tributarie provinciali, nel periodo in esame, la percentuale di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore è stata pari al 44,19%, per un valore complessivo di 2.018,84 milioni di Euro, mentre quella di giudizi completamente favorevoli al contribuente è stata pari al 29,72%, per un valore di 1.483,20 milioni di Euro.

Nelle Commissioni tributarie regionali, invece, la percentuale di cause concluse in modo del tutto favorevole all’Ente impositore è stata di circa il 46%, per un valore complessivo pari a 1.375,89 milioni di Euro, mentre quella di giudizi completamente positivi nei confronti del contribuente è stata pari a circa il 40%, per un valore complessivo di 893,68 milioni di Euro.


Related Articles

Buoni-spesa: l’Anac chiarisce che non è necessario acquisire il Cig

Con la Delibera n. 313 del 9 aprile 2020, preceduta da apposito Comunicato nella stessa data, l’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac)

Interdittiva antimafia: limitazione temporale di efficacia

Nella Sentenza n. 4121 del 5 ottobre 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, la questione controversa ruota attorno all’interpretazione

Riproposizione richiesta di accesso agli atti

Nella Sentenza n. 577 del 7 dicembre 2020 del Tar Umbria, i Giudici rilevano che la semplice reiterazione di una