Contenzioso Tributario: pubblicato il Rapporto trimestrale aprile-giugno 2019

Contenzioso Tributario: pubblicato il Rapporto trimestrale aprile-giugno 2019

Con il Comunicato-stampa n. 162 del 19 settembre 2019, il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto il calo del contenzioso tributario al 30 giugno 2019.

Le controversie tributarie pendenti, pari a 368.625, sono inferiori del 9,21% se confrontate con lo stesso periodo 2018; sono aumentate dello 0,56% invece se rapportate al trimestre precedente. Le cause instaurate in entrambi i gradi di giudizio, che ammontano a 60.409, sono in diminuzione del 3,70% rispetto allo stesso periodo del 2018. Quelle definite sono 58.347, in calo dell’11,20% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. In particolare, se si osserva le nuove controversie che sono state presentate in primo grado presso Commissioni tributarie provinciali (Ctp), queste sono state pari a 46.874, con una diminuzione dell’1,01%, mentre quelle definite sono pari a 42.944, ridotte del 12,06%.

Gli appelli registrati alle Commissioni tributarie regionali (Ctr), pari a 13.535, risultano in calo dell’11,98%. Le definizioni – pari a 15.403 – trovano una diminuzione dell’8,70%. Nelle Ctp la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore si è attestata al 47% sul totale delle controversie, per un valore complessivo che ammonta a 1.567,41 milioni di Euro, mentre quella dei giudizi completamente favorevoli al contribuente è stata di circa il 29%, per un valore di 618,97 milioni di Euro. La percentuale delle controversie concluse con giudizi intermedi è stata del 12%, per un valore complessivo di 558,76 milioni di Euro. Nelle Ctr la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore è stata del 46%, per un valore complessivo di 1.237,20 milioni di Euro, quella dei giudizi completamente positivi nei confronti del contribuente è stata di circa il 37%, per un valore complessivo di 669,67 milioni di Euro. Le controversie concluse con giudizi intermedi rappresentano circa l’8%, per un valore complessivo di 329,70 milioni di Euro. Nel secondo trimestre 2019, il 64% degli atti processuali collegati a controversie giunte nei 2 gradi di giudizio è stato depositato utilizzando il canale telematico. In specifico, in regime di facoltatività sono stati inviati telematicamente il 29% degli atti introduttivi, il 60% delle controdeduzioni e il 71% degli altri atti processuali.


Related Articles

Distacchi di personale: per la Corte di Giustizia Ue sono rilevanti ai fini dell’Iva le somme erogate anche ai soli fini del rimborso

Sentenza della Corte di Giustizia Ue, Causa n. C-94/19 dell’11 marzo 2020 Risulta rilevante ai fini dell’Iva il distacco di

Consorzi: i servizi resi per conto dei consorziati ma in nome proprio devono essere fatturati

Corte di Cassazione, Sentenza n. 3194 del 18 febbraio 2015 Nella fattispecie in esame, a seguito di processo verbale di

“Patto orizzontale nazionale”: aggiornato il Prospetto sul dettaglio della variazione del saldo di finanza pubblica

Con una Nota pubblicata il 7 luglio 2016 sul proprio sito istituzionale, il Mef-Ragioneria generale dello Stato ha reso noto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.