Contratti di concessione: è corretto stampare e archiviare in forma cartacea dati nativi digitali come le visure camerali?

Contratti di concessione: è corretto stampare e archiviare in forma cartacea dati nativi digitali come le visure camerali?

Il testo del quesito:

Mi occupo della stipula dei contratti di concessione per il mio Ente. Ad oggi stipulo contratti in forma cartacea con firma olografa che registro ancora manualmente all’Ufficio del Registro. Al momento tutto ciò che viene archiviato è un documento che in parte è nativo cartaceo e in parte nativo digitale, essendo necessario produrre a corredo del contratto di concessione, anche altra documentazione comprovante i requisiti della ditta aggiudicataria (come visure camerali o certificati antimafia). Tutto ciò viene stampato e conservato in forma cartacea. Vorrei sapere se tale procedura è corretta, essendo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Fondo salario accessorio”: no alla rideterminazione per asserita sottostima dell’importo

Nella Delibera n. 11 del 26 gennaio 2017 della Corte dei conti Calabria, viene chiesto un parere sulla possibilità di

Indennità di Ordine pubblico dovuta all’emergenza “Covid-19”: secondo il Viminale non è riconoscibile ai titolari di P.o.

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica sicurezza, con la Circolare 8 ottobre 2020, cui è allegato il Parere n.

Imposta di bollo virtuale: nuovi chiarimenti delle Entrate sulle modalità di assolvimento

La Circolare Agenzia delle Entrate n. 16/E, del 14 aprile 2015, risponde ad un’esigenza di chiarezza sulla disciplina che regola