Contratti di somministrazione: non vige il divieto di cui all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14

Contratti di somministrazione: non vige il divieto di cui all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14

Nella Delibera n. 179 del 1° luglio 2015 della Corte dei conti Campania, un Sindaco chiede se sia possibile procedere ad attivare dei contratti di somministrazione di lavoro temporaneo per gli anni 2015 e seguenti, stante il generale blocco assunzionale introdotto per tutte le Pubbliche Amministrazioni dalla “Legge di stabilità 2015”, facendo riferimento, in particolare, alla disposizione di cui all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14.

La Sezione ritiene non esservi interdipendenza delle disposizioni di cui all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14 con le norme specificamente concernenti i limiti e le condizioni poste alla specifica facoltà assunzionale a tempo determinato cui fa riferimento il quesito in esame, per la quale comunque continuano pienamente ad operare, sia tutte le rigorose disposizioni ed i limiti, sia le disposizioni del vigente Contratto collettivo nazionale di lavoro applicabile alla fattispecie, e sia in ogni caso il più generale divieto, connaturato alla particolare cogenza della disposizione in esame, di adozione di atti che possano configurarsi come elusivi del dettato normativo, e che, in quanto tali, potrebbero comportare, ex art. 1, comma 424 della Legge n. 190/14, la nullità di assunzioni eventualmente disposte in base a tali atti.

Corte dei conti Campania-Delibera n. 179 del 1° luglio 2015


Related Articles

Riscossione: notifica alla Casa comunale

Nell’Ordinanza n. 12753 del 23 maggio 2018della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda la validità della notifica degli atti

Norma sul finanziamento dei “livelli essenziali delle prestazioni”: incostituzionalità

Nella Sentenza n. 235 del 10 novembre 2017 della Corte Costituzionale, i Giudici si esprimono sulla legittimità costituzionale dell’art. 3,

Funzione di sostituto o responsabile d’imposta per la Tassa di soggiorno

Nella Sentenza n. 166 del 3 maggio 2019 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa in esame riguarda l’art.