Contratti pubblici: aggiornato l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

Contratti pubblici: aggiornato l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

Con il Comunicato 4 maggio 2016, il Presidente dell’Anac ha reso noto che, a seguito dell’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/16 recante il nuovo “Codice dei Contratti pubblici”, è stato aggiornato il testo dell’Accordo concordato con la Procura generale il 13 aprile 2016 e presentato pubblicamente il giorno successivo presso la Corte di Cassazione.

Ricordiamo che la finalità dell’iniziativa era disciplinare le varie forme di collaborazione e di flussi informativi tra l’Autorità e l’Autorità giudiziaria inquirente per rendere più efficaci le misure volte alla prevenzione e al contrasto della corruzione nella Pubblica Amministrazione, per rafforzare l’azione di vigilanza amministrativa in materia di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici e per consentire alle medesime Procure l’accesso tempestivo alle informazioni acquisite in via amministrativa.

I Procuratori della Repubblica interessati possono inviare una e-mail agli indirizzi segreteria.presidente@anticorruzione.it e, in conoscenza, r.renzi@anticorruzione.it, indicando i propri recapiti ed allegando il testo in formato word, non ancora siglato, completo con il logo della Procura e con i riferimenti di pertinenza mancanti. L’Autorità si metterà in contatto con le Procure interessate per formalizzare la stipula.


Related Articles

Fallimento: l’accertamento tributario deve essere notificato non solo al curatore, ma anche al contribuente

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 9434 del 30 aprile 2014, ha affermato che l’accertamento tributario, se inerente

Processo tributario: l’appello è inammissibile senza la prova della notifica

Nella Sentenza n. 19623 del 1° ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che, nell’ipotesi di omessa produzione

“Pareggio di bilancio”: rese note le sanzioni per le violazioni relative all’anno 2016, individuate a seguito di accertamento successivo

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 17 aprile 2020 ha reso noto il testo