Contratti pubblici: aggiornato l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

Contratti pubblici: aggiornato l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

Con il Comunicato 4 maggio 2016, il Presidente dell’Anac ha reso noto che, a seguito dell’entrata in vigore del Dlgs. n. 50/16 recante il nuovo “Codice dei Contratti pubblici”, è stato aggiornato il testo dell’Accordo concordato con la Procura generale il 13 aprile 2016 e presentato pubblicamente il giorno successivo presso la Corte di Cassazione.

Ricordiamo che la finalità dell’iniziativa era disciplinare le varie forme di collaborazione e di flussi informativi tra l’Autorità e l’Autorità giudiziaria inquirente per rendere più efficaci le misure volte alla prevenzione e al contrasto della corruzione nella Pubblica Amministrazione, per rafforzare l’azione di vigilanza amministrativa in materia di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici e per consentire alle medesime Procure l’accesso tempestivo alle informazioni acquisite in via amministrativa.

I Procuratori della Repubblica interessati possono inviare una e-mail agli indirizzi segreteria.presidente@anticorruzione.it e, in conoscenza, r.renzi@anticorruzione.it, indicando i propri recapiti ed allegando il testo in formato word, non ancora siglato, completo con il logo della Procura e con i riferimenti di pertinenza mancanti. L’Autorità si metterà in contatto con le Procure interessate per formalizzare la stipula.


Related Articles

Edilizia: in G.U. le nuove norme antincendio per la progettazione, costruzione ed esercizio degli Asili nido

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 174 del 29 luglio 2014 ed entrerà in vigore il 29 agosto 2014, il

Bilancio: al via l’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli Enti Locali

 Con il Decreto interministeriale 7 luglio 2015 – la cui diffusione sul sito della Direzione centrale della Finanza locale è

Riscossione: il requisito finanziario per proseguire la concessione del servizio non è acquisibile mediante cessione di azienda o avvalimento

Nella Sentenza n. 495 del 3 febbraio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che un Ente Locale può