Contratti pubblici: verso l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

Contratti pubblici: verso l’Accordo-quadro tra Anac e Procure per migliorare le misure Anticorruzione

L’Anac rende noto che il 14 aprile 2016, nel corso dell’incontro pubblico organizzato dal Procuratore generale, Pasquale Paolo Maria Ciccolo, con i Procuratori generali presso le Corti di appello, alla presenza del Ministro della Giustizia e del Vice-Presidente del Csm, è stato presentato il Protocollo d’intesa concordato con la Procura generale presso la Corte di Cassazione ed approvato dal Consiglio dell’Autorità il 13 aprile 2016. Nello specifico, si tratta di un Accordo-quadro che l’Anac siglerà con le singole Procure della Repubblica che ne faranno richiesta al fine di disciplinare le varie forme di collaborazione e di flussi informativi tra l’Anac e l’Autorità giudiziaria inquirente per rendere più efficaci le misure volte alla prevenzione e al contrasto della corruzione nella Pubblica Amministrazione, per rafforzare l’azione di vigilanza amministrativa in materia di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici nonché per consentire alle medesime Procure l’accesso tempestivo alle informazioni acquisite in via amministrativa.


Related Articles

Notifica atti tributari: applicazione dell’art. 145 del Codice di procedura civile

Nella Sentenza n. 11936 del 10 giugno 2016, la Corte di Cassazione statuisce che gli atti tributari devono essere notificati

“Decreto Milleproroghe”: tra le norme d’interesse per gli Enti Locali la proroga della possibilità per i Comuni di avvalersi di Equitalia

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 302 del 30 dicembre 2015 il Dl. 30 dicembre 2015, n. 210, recante “Proroga

Nomine di competenza dei Comuni anche in assenza degli indirizzi ex art. 42, comma 2 del Tuel

Il Tar Lombardia, con la Sentenza n. 1058 del 15 ottobre 2014, affronta la tematica della nomina con Decreto sindacale