Contratti stipulati dal contribuente: Ufficio finanziario può accertare la sussistenza dell’eventuale simulazione anche senza preventivo giudizio

Contratti stipulati dal contribuente: Ufficio finanziario può accertare la sussistenza dell’eventuale simulazione anche senza preventivo giudizio

Nell’Ordinanza n. 25521 del 12 ottobre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno risolto un contenzioso in tema di negozi simulati, che potrebbe anche servire come riferimento a fattispecie oggetto di segnalazioni qualificate da parte degli Enti Locali.

L’Amministrazione finanziaria, quale terzo interessato alla regolare applicazione delle Imposte, è legittimata a dedurre la simulazione assoluta o relativa dei contratti stipulati dal contribuente, e la relativa prova può essere fornita con qualsiasi mezzo, anche attraverso presunzioni.

Il Giudice tributario può verificare la correttezza di un tale accertamento attraverso l’interpretazione del negozio o dei negozi giuridici ritenuti simulati.

Il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Compenso incentivante: non può essere riconosciuto per le attività di manutenzione, siano esse ordinarie o straordinarie

Nelle Delibere n. 36 e 37 del 20 aprile 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, si rammenta che, con

Imu/Tasi: slitta al 30 novembre la scadenza per l’invio della Dichiarazione per gli Enti non commerciali

Con il Decreto 23 settembre 2014, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso nota la proroga al 30 novembre

Ddl. Stabilità: le novità in materia di armonizzazione introdotte nel testo approvato dalla Camera

Tra le numerose modifiche apportate al Disegno di legge della Manovra finanziaria per il 2015, approvato il 30 novembre 2014

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.