Il contratto a tempo determinato dal Dlgs. n. 75/15 all’ipotesi di Ccnl. Comparto “Funzioni locali”: note di prima lettura

Il contratto a tempo determinato dal Dlgs. n. 75/15 all’ipotesi di Ccnl. Comparto “Funzioni locali”: note di prima lettura

Il Dlgs. n. 75/17, con l’art. 9, interviene, attraverso una parziale riscrittura dell’art. 36 del Dlgs. n. 165/01, sulla disciplina che regola le forme di lavoro flessibile nella P.A.[1] In base al testo attualmente in vigore, viene stabilito che, per “le esigenze connesse con il proprio fabbisogno ordinario le Pubbliche Amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato seguendo le procedure di reclutamento previste dall’art. 35[2]. In altri termini, viene confermato il principio generale in base al quale le Pubbliche Amministrazioni reclutano personale seguendo la procedura concorsuale facendo ricorso in via esclusiva

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tutela delle minoranze linguistiche: aperto il bando per il finanziamento dei progetti

Al via il bando per i finanziamenti dei progetti per la tutela delle minoranze linguistiche storiche: fino al 30 aprile

Scioglimento del Consiglio comunale: presupposti

Nella Sentenza n. 4529 del 28 settembre 2015 del Consiglio di Stato, un Sindaco e i membri del Consiglio comunale

Imposta di soggiorno: l’istituto del “ravvedimento” in caso di omesso, tardivo o parziale riversamento da parte degli albergatori

Nella Delibera n. 96 del 25 ottobre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, è stato formulato un parere avente