Il contratto a tempo determinato dal Dlgs. n. 75/15 all’ipotesi di Ccnl. Comparto “Funzioni locali”: note di prima lettura

Il contratto a tempo determinato dal Dlgs. n. 75/15 all’ipotesi di Ccnl. Comparto “Funzioni locali”: note di prima lettura

Il Dlgs. n. 75/17, con l’art. 9, interviene, attraverso una parziale riscrittura dell’art. 36 del Dlgs. n. 165/01, sulla disciplina che regola le forme di lavoro flessibile nella P.A.[1] In base al testo attualmente in vigore, viene stabilito che, per “le esigenze connesse con il proprio fabbisogno ordinario le Pubbliche Amministrazioni assumono esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato seguendo le procedure di reclutamento previste dall’art. 35[2]. In altri termini, viene confermato il principio generale in base al quale le Pubbliche Amministrazioni reclutano personale seguendo la procedura concorsuale facendo ricorso in via esclusiva

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Pubblico Impiego: si apre il Tavolo per discutere della stagione contrattuale 2016-2018

Si svolgerà oggi, 27 giugno 2017, l’incontro tra le Confederazioni sindacali – voluto dall’Aran – per discutere della stagione contrattuale

Affidamento diretto alle Cooperative sociali: occorre l’iscrizione all’Albo regionale

Nella Sentenza n. 3 dell’11 gennaio 2016 del Tar Calabria, Catanzaro, la Giunta di un Comune ha adottato un atto

Tributi locali: adottata la stima delle capacità fiscali dei Comuni 2017

È stato pubblicato sulla G.U. n. 267 del 15 novembre 2016 il Decreto Mef 2 novembre 2016, avente ad oggetto