Contributi dovuti all’Aran dagli Enti Locali: a breve l’invio dei bollettini agli Enti soggetti al pagamento diretto

Contributi dovuti all’Aran dagli Enti Locali: a breve l’invio dei bollettini agli Enti soggetti al pagamento diretto

Il Ministero dell’Interno e l’Aran, con il Comunicato congiunto 13 luglio 2017, hanno fornito indicazioni relative al pagamento del contributo annuo destinato all’Agenzia. Ricordiamo che, in applicazione del Decreto interministeriale 27 novembre 2013, le somme dovute all’Aran dagli Enti Locali per l’attività di contrattazione ed assistenza sono state decurtate nel corso del 2017, oltre che da risorse relative a trasferimenti erariali a qualunque titolo assegnati agli Enti Locali, da:

  • il “Fondo di solidarietà comunale” con riferimento ai Comuni;
  • il “Fondo sperimentale di riequilibrio provinciale” per quanto riguarda le Province.

Il Ministero dell’Interno ha comunicato all’Aran la lista degli Enti per i quali non è stato possibile provvedere al recupero dell’importo del contributo in questione e che dovranno pertanto procedere al pagamento diretto delle somme dovute.

Si tratta, rispettivamente, di 542 Comuni, 70 Comunità montane, 254 Unioni di Comuni, 8 Città metropolitane e 41 Province. Tali Enti riceveranno per posta una comunicazione ufficiale corredata da bollettino precompilato (C/C postale n. 1007942384 – Codice Iban: IT24 U076 0103 2000 0100 7942 384). Eventuali richieste di chiarimento relative all’importo del contributo dovuto dovranno essere rivolte all’indirizzo mail riscossionecontributi@aranagenzia.it.


Related Articles

Fondi pubblici: condanna di Amministratori regionali per il pagamento di spazi forniti da emittenti radiotelevisive

Con la Sentenza 10 ottobre 2014, n. 140, la Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per l’Emilia-Romagna, si è espressa in

Segretario della Sotto-Commissione elettorale circondariale: condizioni per la corresponsione del gettone di presenza

Nella Delibera n. 113 del 24 novembre 2016 della Corte dei conti Umbria, viene chiesto: – se sia legittimo, dato

Antenne telefonia mobile: sono da accatastare in categoria “D” e pertanto sono soggette ad Ici

Nella Sentenza n. 24026 del 25 novembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che i ripetitori di telefonia