Contributi per il potenziamento e l’adeguamento dei Centri di raccolta dei Raee: pubblicato il bando

Contributi per il potenziamento e l’adeguamento dei Centri di raccolta dei Raee: pubblicato il bando

È stato pubblicato sul sito istituzionale del Centro di coordinamento Raee (acronimo di “Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche”) il bando per l’ammissione e la selezione dei Centri di raccolta (Cdr) dei Raee che potranno beneficiare dei contributi previsti dall’Accordo di programma stipulato il 9 febbraio 2015 tra l’Anci ed il Centro di coordinamento (Cdc) Raee.

Tale Accordo è finalizzato alla costituzione del “Fondo 13 Euro/tonnellata premiata”, che prevede una contribuzione pari a 13 Euro per ogni tonnellata di Raee ritirata dai Centri di raccolta iscritti al Cdc.

Il bando pubblicato l’11 dicembre 2018 prevede inoltre contributi destinati al potenziamento e all’adeguamento dei Cdr già iscritti e alla realizzazione di nuovi Centri di raccolta, con l’obiettivo di ottimizzare le operazioni di gestione dei Raee.

Il programma è articolato in 4 misure:

Misura 1 – Realizzazione di opere presso il Centro di raccolta e/o acquisto di beni per l’operatività del Cdr, già effettuati entro il termine di massimo 12 mesi precedenti alla data di pubblicazione del bando;

Misura 2 – Realizzazione di opere presso il Centro di raccolta e/o acquisto di beni per l’operatività del Cdr, che dovranno essere ultimati entro 12 mesi dalla comunicazione di concessione del contributo;

Misura 3 – Realizzazione di sistemi per la raccolta continuativa dei Raee domestici sul territorio, come ad esempio sistemi innovativi per il ritiro domiciliare, per la raccolta puntuale dei Raee presso scuole, centri commerciali, punti vendita, uffici, centri di raccolta mobili e altre soluzioni simili. Possono integrare il Centro di raccolta, oppure sostituirlo, laddove il Cdr non sia presente nel territorio del Comune conferente, e non devono essere già attivi al momento della pubblicazione del bando;

Misura 4 – Agevolazioni per la realizzazione di nuovi Centri di raccolta sul territorio. Questa misura è rivolta a Comuni, Unioni di Comuni, Consorzi di Comuni e aziende che effettuano la raccolta di Raee per contro dei Comuni.

Per le Misure 1,2,3 possono fare richiesta solamente i sottoscrittori registrati e iscritti al portale del Cdc Raee, che abbiano iscritto almeno un Centro di raccolta presso il Cdc. In questo caso non sono ammesse le domande relative a Centri di raccolta che hanno già beneficiato di un contributo nei due bandi precedenti.

Per la Misura 4 invece la richiesta può essere presentata da soggetti che intendono realizzare un Centro di raccolta in un territorio comunale, dove non ne esistano altri già registrati al Cdc Raee.

La dotazione economica complessiva del bando ammonta a Euro 1.982.318. Il 50% del fondo (pari quindi a Euro 991.159) è destinato al finanziamento per l’ammodernamento dei Centri di raccolta esistenti (Misure 1,2,3), mentre l’altro 50% alla realizzazione di nuovi Centri di raccolta (Misura 4).

Per le Misure 1 e 3 ogni contributo concesso per ciascuna domanda sarà pari all’85% del costo totale dell’intervento, fino a un importo massimo di 20.000 Euro Iva compresa, mentre per la Misura 2 sarà di 25.000 Euro Iva compresa.

Per la Misura 4 il contributo massimo concesso per ciascuna domanda sarà di Euro 75.000 per interventi di realizzazione di un nuovo Centro di raccolta aperto al conferimento dei Raee da almeno due Comuni, mentre sarà di 50.000 Euro se il nuovo Centro conferisce da un solo Comune.

Saranno prese in considerazione solo le richieste di contributo trasmesse attraverso l’apposito Modello di domanda, compilabile esclusivamente on-line e disponibile nell’Area riservata ai sottoscrittori del Portale del Cdc Raee. Per la Misura 4 è necessario registrarsi preventivamente al Portale del Cdc Raee.

Le domande devono essere presentate inderogabilmente entro le ore 12 dell’8 febbraio 2019.

 

di Lorenzo Lazzerini


Related Articles

Iva: entro il 29 dicembre il versamento dell’acconto per l’anno 2014

Entro il prossimo 29 dicembre (visto che la scadenza del 27 cade di sabato) è necessario procedere, per gli Enti

Privacy: secondo semestre 2019 del Piano ispettivo del Garante

Il Garante Privacy con la Deliberazione n. 166 del 12 settembre 2019 ha approvato il Piano delle attività ispettive per il

Contratti di locazione tra Pubbliche Amministrazioni: non può essere applicata nessuna riduzione del canone

Nella Delibera n. 14 del 1° marzo 2019 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Comune chiede un parere in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.