Conversione “Milleproroghe”: tra gli emendamenti proposti da Anci, la sanatoria per le aliquote Imu e Tasi deliberate in ritardo

Conversione “Milleproroghe”: tra gli emendamenti proposti da Anci, la sanatoria per le aliquote Imu e Tasi deliberate in ritardo

Fondo salario accessorio”, tempi determinati Enti di Area vasta, edilizia scolastica, tributi locali, sanzioni Patto: sono alcuni dei temi attorno ai quali ruotano gli emendamenti proposti dall’Anci al Disegno di legge AC3513, di conversione del Dl. n. 210/15 (c.d. “Decreto Milleproroghe”).

Sulla questione del salario accessorio, l’Associazione chiede al Parlamento di varare una norma che preveda la possibilità di recuperare utilizzando i risparmi dei processi di razionalizzazione della spesa, nonché i proventi derivanti dalle sponsorizzazioni e la temporanea rinuncia volontaria, da parte dei Comuni interessati, alle facoltà assunzionali.

Quanto alle nuove norme che regolano le gare per l’affidamento della distribuzione del gas, i Comuni invocano la proroga dei termini e l’annullamento delle sanzioni in ragione dei ritardi causati dall’attuale “caos normativo e l’alto rischio di contenziosi”.

Tra le richieste, riepilogate in un Documento diffuso dall’Anci il 19 gennaio 2016, si legge inoltre: “Una correzione formale sul testo viene proposta invece per rendere effettiva la proroga dei contratti a tempo determinato nelle Città metropolitane e nelle Province anche per il 2016. Si chiede di eliminare le sanzioni per lo sforamento del patto di stabilità e di risolvere gli effetti assai perversi per sanzioni emerse in seguito a interpretazioni difformi sulle mutevoli normative sul Psi, in un contesto auspicabile più generale di rivisitazione della normativa sulle sanzioni”.

L’Anci è poi tornata sul tema della sanatoria delle Delibere Imu-Tasi del 2015, per quei Comuni che hanno approvato bilancio oltre il 31 luglio 2015. Ricordiamo che la possibilità che si andasse verso una sanatoria di questo tipo era stata ventilata nel corso della discussione relativa alla “Legge di stabilità 2016”. Alla fine però l’unico provvedimento approvato in questo senso era stata una sorta di “mini-sanatoria” relativa alla sola giornata del 31 luglio 2015.

Altri nodi presi in esame nelle proposte di emendamento sono: le difficoltà riscontrate dai Comuni per governare le procedure di dissesto e il mancato ristoro del gettito Imu agricola 2015 e delle spese di giustizia 2012/2015.


Related Articles

Fatturazione elettronica: riaperti i termini per compilare il questionario Ifel-Agid

L’Anci e l’Agenzia per l’Italia digitale hanno riaperto – in ragione dell’adesione finora solo parziale da parte dei Comuni –

Trasparenza: conseguenze dell’omissione della pubblicazione degli incarichi sul sito web dell’Ente prima e dopo l’art. 15 del Dlgs. n. 33/13

Che cosa comporta la mancata pubblicazione sul sito web degli incarichi di collaborazione esterna e di consulenza? E l’omissione della

Sicurezza: crescono le intimidazioni nei confronti degli Amministratori locali

“Nel 1° trimestre 2021 il trend a livello nazionale degli atti intimidatori nei confronti degli Amministratori locali è in aumento