Corrispettivi: devono essere conservati in apposito registro cartaceo o è sufficiente la stampa di quello informatico?

Corrispettivi: devono essere conservati in apposito registro cartaceo o è sufficiente la stampa di quello informatico?

Il testo del quesito:

E’ ancora obbligatorio registrare i corrispettivi Iva in apposito registro cartaceo, oppure la stampa del registro informatico assolve tale adempimento?

La risposta dei ns. esperti

Relativamente al registro dei corrispettivi Iva, in linea generale l’obbligo di stampa dei registri cartacei sussiste ancora e va assolto al massimo entro 3 mesi dalla scadenza dell’invio della “Dichiarazione Iva” annuale, dovendo comunque, in questi 3 mesi, essere in grado di produrre nell’immediato la stampa dei registri aggiornati nel caso di richiesta da parte degli organi competenti.

In alternativa è possibile adottare la conservazione elettronica dei documenti

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Terzo Settore”: Anac esorta a non accorpare “Servizi assistenziali” diversi in una sola gara 

No all’accorpamento in un’unica gara di diversi servizi assistenziali perché rischia di creare una barriera per i piccoli operatori economici,

“Partenariato pubblico privato”: obblighi informativi per il monitoraggio dei progetti

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la Circolare 10 luglio 2019, pubblicata in G.U. n. 198 del 24 agosto

Diritto di prelazione ai dipendenti in caso di trasferimento della titolarità di una Farmacia comunale a seguito di una procedura di gara

Avvocato Generale Gerard Hogan, 2 ottobre 2019 n. C-465/18 Sulla illegittimità di una norma nazionale che conferisce un diritto di