Corte dei conti: finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica

Corte dei conti: finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica

Con il Comunicato n. 42 del 29 luglio 2020, la Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato della Corte dei conti rende nota la Relazione approvata con Delibera n. 8/2020, su “Le risorse per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica”, dove viene esaminata la gestione, nel periodo 2015-2019, delle risorse destinate al finanziamento statale della Ricerca scientifica e tecnologica, che dal 2012 sono a carico del “Fondo per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica” (First). In particolare, la Sezione afferma come sia “necessaria una più celere e accurata programmazione degli interventi, da sviluppare anche in un contesto pluriennale, previa valutazione delle idonee modalità di realizzazione, al fine di ridurre la formazione di residui e ottimizzare la gestione delle risorse di cassa, valorizzando le potenzialità offerte dalla recente riforma della struttura del bilancio dello Stato”. Nel dettaglio, i finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica sono stati per oltre un decennio sovvenzionati a carico del “Fondo agevolazioni ricerca” (Far), istituito nel 1999. Nel 2012, in linea con la normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato a favore di Ricerca, Sviluppo e Innovazione, è stata approvata una nuova disciplina del Sistema delle agevolazioni alla ricerca scientifica e tecnologica, queste ultime finanziate attraverso il “First”, istituito dalla “Finanziaria 2007” e nel quale erano già confluite le risorse del “Far”. L’indagine, sulla scorta della nuova disciplina normativa che regola la materia, ha analizzato la gestione delle risorse destinate al finanziamento statale della Ricerca scientifica e tecnologica, nel periodo 2015-2019.

Sono emerse una serie di criticità del Sistema di gestione delle risorse in esame, in un quadro che ha visto fino al 2017 la progressiva e importante riduzione delle risorse destinate al “First” e dal 2018 una netta inversione di tendenza con stanziamenti di bilancio crescenti (da ultimo, l’art. 238, comma 4, del Dl. n. 34/2020, ha previsto un incremento per l’anno 2021 di 250 milioni di Euro e per l’anno 2022 di 300 milioni di Euro). Nello specifico, queste criticità hanno riguardato, nell’ordine, la vastità e la complessità delle modalità procedurali che regolano la concessione delle varie tipologie di finanziamenti, la dilatazione dei tempi, il non tempestivo utilizzo delle risorse stanziate, la conseguente formazione di residui passivi, caratteristica propria delle spese in conto capitale quali sono le risorse del “First”, e la necessaria richiesta di reiscrizione in bilancio per quelli annullati, che in alcuni esercizi finanziari hanno prodotto nuovi residui, con ulteriore dilatazione dei tempi, o la loro trasformazione in economie. Le spese in conto capitale, in considerazione della loro peculiarità, beneficiano in via sperimentale per gli anni 2019, 2020 e 2021, di una speciale disciplina normativa per la conservazione dei residui passivi (art. 4-quater del Dl. n. 32/2019, convertito con modificazioni, dalla Legge n. 55/2019), volta a garantire la sussistenza delle disponibilità di competenza e cassa occorrenti per l’assunzione degli impegni e la necessità di assicurare la tempestività dei pagamenti, in un arco temporale adeguato alla tempistica di realizzazione delle spese di investimento sulla base dello stato avanzamento lavori. L’applicazione della suddetta disciplina normativa dovrebbe consentire all’Amministrazione di migliorare per il futuro l’andamento della gestione del “First”. La Sezione ha formulato una serie di considerazioni e raccomandazioni volte ad assicurare il buon andamento, l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’azione amministrativa, a migliorare la programmazione e a garantire la corretta e sana gestione contabile delle risorse finanziarie nello strategico settore dei finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica di preminente interesse nazionale.


Related Articles

Pubblica sicurezza: un italiano su 3 ritiene di vivere in una zona a rischio criminalità

Il 33,9% dei cittadini, vale a dire l’11,9% in più rispetto alla rilevazione precedente, ritiene di vivere in una zona

Concessione beni pubblici: giurisdizione

Nella Sentenza n. 1064 del 12 febbraio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla revoca dell’aggiudicazione di

Opera pubblica: se rilevante per conseguimento interesse pubblico, Comune può erogare contributi a fondo perduto ad altra P.A.

Nella Delibera n. 135 del 23 maggio 2019 della Corte dei conti Veneto, un Comune chiede un parere in merito

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.