Costituzione ritardata del “Fondo delle risorse decentrate”: economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione

Costituzione ritardata del “Fondo delle risorse decentrate”: economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione

Nella Delibera n. 161 del 21 luglio 2017 della Corte dei conti Molise, un Sindaco ha chieste se, in caso di mancata costituzione del “Fondo delle risorse decentrate” nell’anno di riferimento, le economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione, vincolato per la sola quota del “Fondo” obbligatoriamente prevista dalla Contrattazione collettiva nazionale.

La Sezione ha risposto in maniera affermativa, evidenziando che l’effetto della mancata costituzione del “Fondo” è quella di far confluire nel risultato di amministrazione, vincolato, la parte stabile, con la conseguenza che tutte le risorse di natura variabile – ivi incluse quelle da “riportare a nuovo” – vanno a costituire vere e proprie economie di spesa. Infine, la competenza alla costituzione del “Fondo”, essendo fatto gestionale, compete al Dirigente e non alla Giunta comunale.


Related Articles

Rup: il Consiglio di Stato ribadisce che non c’è incompatibilità assoluta rispetto alla sua presenza nella Commissione valutatrice

Nella Sentenza n. 2835 dell’11 maggio 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla incompatibilità del Responsabile unico

“Scavalco condiviso”: il rimborso a favore della P.A. di appartenenza è da computarsi nelle spese di personale dell’Ente di utilizzazione

Nella Delibera n. 105 dell’8 agosto 2016 della Corte dei conti Molise, viene chiesto se l’eventuale stipulazione di una Convenzione

“Piano casa”: nella Legge di conversione novità in materia di Imu sugli immobili posseduti da cittadini residenti all’estero

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 121 del 27 maggio 2014 la Legge 23 maggio 2014, n. 80, di conversione