Costituzione ritardata del “Fondo delle risorse decentrate”: economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione

Costituzione ritardata del “Fondo delle risorse decentrate”: economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione

Nella Delibera n. 161 del 21 luglio 2017 della Corte dei conti Molise, un Sindaco ha chieste se, in caso di mancata costituzione del “Fondo delle risorse decentrate” nell’anno di riferimento, le economie di bilancio confluiscono nel risultato di amministrazione, vincolato per la sola quota del “Fondo” obbligatoriamente prevista dalla Contrattazione collettiva nazionale.

La Sezione ha risposto in maniera affermativa, evidenziando che l’effetto della mancata costituzione del “Fondo” è quella di far confluire nel risultato di amministrazione, vincolato, la parte stabile, con la conseguenza che tutte le risorse di natura variabile – ivi incluse quelle da “riportare a nuovo” – vanno a costituire vere e proprie economie di spesa. Infine, la competenza alla costituzione del “Fondo”, essendo fatto gestionale, compete al Dirigente e non alla Giunta comunale.


Related Articles

Mobilità tra Enti: è ancora possibile? Dalla Corte dei conti due indicazioni opposte

Lombardia: se finanziariamente neutra la mobilità è ancora consentita negli anni 2015 e 2016 Nella Delibera n. 85 del 24

Spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando: esula dall’ambito applicativo dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 111 del 29 giugno 2017 della Corte dei conti Abruzzo, viene chiesto se, in base dell’art. 9,

Contratti di somministrazione: non vige il divieto di cui all’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14

Nella Delibera n. 179 del 1° luglio 2015 della Corte dei conti Campania, un Sindaco chiede se sia possibile procedere