Costo del lavoro: non è standardizzato e uguale per tutti

Costo del lavoro: non è standardizzato e uguale per tutti

Nella Sentenza n. 589 del 10 febbraio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici affermano che la valutazione del costo del lavoro, in sede di verifica della congruità dell’offerta, consente alla stazione appaltante di verificare il rispetto dei minimi salariali inderogabili, sui quali non sono ammesse giustificazioni, ma nello stesso tempo di dare spazio alla valutazione di efficienze organizzative dell’impresa, che conducono alla scelta dell’offerta realmente “economicamente più bassa”.

In particolare, i Giudici affermano che il costo del lavoro non è un costo standardizzato e uguale per tutte le imprese, che possa essere predeterminato dalla stazione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contratti attivi: necessario il rispetto dei Principi generali del “Codice dei Contratti pubblici”

Nella Sentenza n. 727 del 22 marzo 2021 del Tar Salerno, i Giudici rilevano che l’art. 4 del Dlgs. n.

La bozza del “Pnrr” alla luce delle decisioni UE e del “Ddl. bilancio 2021-2023”

Premessa Per uno sguardo d’insieme e riassuntivo della bozza di “Piano nazionale di ripresa e resilienza” (“Pnrr”), a firma del

La capacità di spesa degli Enti Locali e le implicazioni sulla realizzazione degli interventi finanziati da Recovery plan

DOSSIER A CURA DI CENTRO STUDI ENTI LOCALI Un’analisi ragionata sulla recente audizione della Corte dei conti in “Commissione Parlamentare