“Covid-19”: Banca d’Italia, “Per il 15% della popolazione il lockdown è costato più di metà reddito”

“Covid-19”: Banca d’Italia, “Per il 15% della popolazione il lockdown è costato più di metà reddito”

La fotografia dell’impatto economico della crisi sanitaria scattata da Banca d’Italia con l’Indagine straordinaria sulle famiglie italiane

Oltre metà dei cittadini italiani ha subito una riduzione nel reddito nel corso del “lockdown” e gli strumenti di sostegno offerti dal Governo non sono stati sufficienti a colmare il divario. Per il 15% della popolazione questa contrazione ha pesato per oltre la metà del reddito complessivo. Ad essere penalizzati sono stati soprattutto i lavoratori autonomi: 8 su 10 hanno infatti subìto un calo nel reddito e per il 36% di loro la contrazione è stata pari ad oltre la metà del reddito familiare.

A fotografare l’impatto economico della crisi sanitaria è stata Banca d’Italia, che tra aprile e maggio 2020 ha condotto una “Indagine straordinaria sulle famiglie italiane” per raccogliere informazioni sulla situazione economica e sulle aspettative delle famiglie durante la crisi legata alla pandemia.

Più di un terzo degli individui coinvolti nella rilevazione ha dichiarato di non avere risorse liquide sufficienti a far fronte alle spese per consumi essenziali della famiglia per un periodo di 3 mesi. Quanto alle prospettive future, circa il 30 % della popolazione dichiara di non potersi permettere di andare in vacanza la prossima estate e quasi il 60% ritiene che, anche quando l’epidemia sarà terminata, le proprie spese per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatri saranno inferiori a quelle pre-crisi.

In merito all’indebitamento, è emerso che quasi il 40% degli individui indebitati dichiara di avere difficoltà nel sostenere le rate del mutuo a causa della crisi ma solo un terzo di chi è in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo ha fatto ricorso o intende far ricorso alla moratoria.


Related Articles

Sicurezza stradale: legittimo impedire l’installazione di cartelloni pubblicitari che siano visibili anche da strade extraurbane

Nella Sentenza n. 4091 del 28 agosto 2017 del Consiglio di Stato, una Società (operatrice economica del settore dell’installazione di

Trasferimenti erariali: completata l’assegnazione di risorse ai Comuni per progetti di efficientamento o produzione di energia

Il Ministero dello Sviluppo economico ha reso noto che sono state assegnate tutte le risorse messe a disposizione per i

“Decreto Dignità”: le novità in materia di contratto di lavoro a tempo determinato, somministrazione e licenziamento

Il Dl. n. 87/18, con i primi 3 articoli, è intervenuto in modo decisivo nella disciplina del contratto a termine

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.