“Covid-19”: il riacutizzarsi dell’emergenza fa slittare il turno elettorale straordinario

“Covid-19”: il riacutizzarsi dell’emergenza fa slittare il turno elettorale straordinario

La seconda ondata della pandemia da “Covid-19” riscrive anche il calendario delle Consultazioni elettorali. Con il Dl. 7 novembre 2020, n. 148, recante “Disposizioni urgenti per il differimento di Consultazioni elettorali per l’anno 2020”, pubblicato sulla G.U. n. 278 del 7 novembre 2020, è stato disposto lo slittamento del turno elettorale straordinario.

Per evitare fenomeni di assembramento, l’art. 1 del citato Dl. ha stabilito che le Elezioni nei Comuni i cui Organi siano stati sciolti per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso, già indette per i giorni di domenica 22 e lunedì 23 novembre 2020 (con eventuale turno di ballottaggio nei giorni di domenica 6 e lunedì 7 dicembre 2020) – siano rinviate e si svolgano entro il 31 marzo 2021, mediante l’integrale rinnovo del procedimento di presentazione di tutte le liste e candidature a Sindaco e a Consigliere comunale.
La nuova data delle elezioni sarà fissata, nelle Regioni a Statuto ordinario, da un Dm. Ministero dell’Interno, non oltre il 55° giorno antecedente quello della votazione, fino al rinnovo degli Organi elettivi di tutti i predetti Comuni sciolti ai sensi dell’art. 143 del Tuel, “è prorogata la durata delle rispettive Commissioni straordinarie di cui all’art. 144 del Decreto legislativo n. 267/2000”.

Analogamente l’art. 2 del Dl. dispone la proroga anche delle Elezioni dei Consigli metropolitani e dei Presidenti di Provincia e dei Consigli provinciali.

Le Elezioni del Consiglio metropolitano avrebbero dovuto svolgersi, ai sensi dell’art.1, comma 21, della Legge n. 56/2014, entro 60 giorni dalla proclamazione del Sindaco del Comune capoluogo. Il Decreto in commento ha stabilito una deroga per l’anno corrente che consente di estendere tale limite a 180 giorni.

Sono interessati da tale rinnovo i Consigli delle Città metropolitane di Venezia e Reggio Calabria.

Quanto alle Elezioni dei Presidenti di Provincia e dei Consigli provinciali, che avrebbero dovuto tenersi entro 90 giorni dal turno ordinario delle Elezioni amministrative nelle Regioni a statuto ordinario (20 e 21 settembre 2020), queste potranno – in virtù dell’art. 2, comma 2, del Dl. n. 148/2000 – svolgersi entro il 31 marzo 2021.

Restano conseguentemente in carica, fino al rinnovo, gli attuali Organi delle Città metropolitane e Province.

La data di svolgimento delle citate Elezioni di secondo livello sarà fissata dalle Amministrazioni stesse, alle quali compete l’organizzazione e la gestione delle consultazioni in questione.


Related Articles

Uffici unici Avvocatura Enti Locali: “no” alle Convenzioni aperte con possibilità di adesione successiva

Nella Sentenza n. 1608 del 26 agosto 2016 del Tar Lombardia, la questione di diritto centrale per la soluzione della

Tarsu: la Cassazione conferma la legittimità dei Regolamenti che prevedano tariffe per utenze domestiche ed esercizi alberghieri

  Nell’Ordinanza n. 22523 del 27 settembre 2017 della Corte di Cassazione, una Società esercente l’attività alberghiera in un villaggio

Variazioni di bilancio in costanza di esercizio provvisorio

La Delibera n. 36 del 14 aprile 2015 della Corte dei conti Liguria riguarda le variazioni di bilancio in costanza

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.