“Covid-19”: pubblicate in G.U. nuove misure per i rientri e il transito in Italia

“Covid-19”: pubblicate in G.U. nuove misure per i rientri e il transito in Italia

È stata pubblicata sulla G.U. n.114 del 14 maggio 2021 l’Ordinanza del Ministero della Salute 14 maggio 2021 e recante “Ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da ‘Covid-19’”.

Pur restando i divieti e le limitazioni di ingresso in Italia stabiliti dall’art. 49 del Dpcm. 2 marzo 2021 (https://www.governo.it/sites/governo.it/files/Dpcm._20210302.pdf), chiunque entri in Italia per una qualsiasi durata nel territorio nazionale da Stati o territori di cui agli Elenchi “D” ed “E” dell’Allegato 20 (https://www.governo.it/sites/governo.it/files/Dpcm._20210302_allegati-txt_0.pdf) del predetto Decreto, deve presentare a chiunque sia deputato ad effettuare controlli la certificazione di essersi sottoposto ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone nelle 72 ore precedenti all’ingresso nel territorio nazionale.

Qualora non siano insorti sintomi di “Covid-19”, queste disposizioni non si applicano nei casi di cui all’art. 51, comma 7, lett. a), b), c), f), g), l), m), n), o), del Dpcm. 2 marzo, 2021, ovvero:

  • all’equipaggio dei mezzi di trasporto;
    • al personale viaggiante;
    • ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all’Elenco “A” dell’Allegato 20 del Dpcm. 2 marzo 2021;
    • a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;
    • a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario conformemente ai commi da 1 a 5;
    • ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;
    • al personale di Imprese ed Enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all’estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;
    • ai Funzionari e agli Agenti, comunque denominati, dell’Unione europea o di Organizzazioni internazionali, agli Agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle Missioni diplomatiche, ai Funzionari e agli Impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle Missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell’esercizio delle loro funzioni;
    • agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

Related Articles

Assunzione di personale di Polizia locale: deroga per assunzioni a tempo determinato

Nella Delibera n. 14 del 13 giugno 2019 della Corte dei conti Friuli-Venezia Giulia, un Sindaco ha chiesto un parere

Provvedimento di riclassamento

Nell’Ordinanza n. 16872 del 26 giugno 2018 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia è un provvedimento di riclassamento che

Omissione versamento somme da parte del sostituto che ha operato ritenute d’acconto: il sostituito non è tenuto in solido in sede di riscossione

Nella Sentenza n. 10378 del 12 aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati a decidere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.