Crisi greca: il Mef fa chiarezza sull’esposizione italiana

Crisi greca: il Mef fa chiarezza sull’esposizione italiana

 

Con una Nota diffusa il 29 giugno 2015 sul proprio Portale istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fatto chiarezza sull’impatto per l’Italia della crisi nel negoziato tra la Grecia e le Istituzioni che rappresentano i creditori. Tra queste, alcune analisi sull’impatto per l’Italia.

L’Italia – si legge – ha un’esposizione diretta nei confronti della Grecia, in virtù di prestiti bilaterali, pari a 10,2 miliardi di Euro. Inoltre ha fornito contributi destinati alla Grecia al ‘Fondo Salva-Stati’ per 25,7 miliardi di Euro. L’esposizione dell’Italia nei confronti della Grecia è quindi pari a 35,9 miliardi di Euro”.

Il Ministero ha riconosciuto che un’eventuale evoluzione negativa della crisi potrebbe avere conseguenze su altri soggetti finanziari ai quali l’Italia partecipa ma ha dichiarato che ad oggi è impossibile quantificarli, aggiungendo che “anche negli scenari meno favorevoli è dubbio che vi siano effetti diretti”.

Il Dicastero ha precisato che sono state diffuse “informazioni fuorvianti” anche in materia di debito pubblico italiano. “Il rapporto debito/Pil nel 2014 è stato del 132,1%, dovrebbe raggiungere un picco del 132,5% nell’anno in corso mentre è programmato in discesa per gli anni successivi, con una traiettoria conforme – conclude – alle regole contabili dell’Ue: 130,9% nel 2016, 127,4% nel 2017, 123,9% nel 2018, 120,0% nel 2019”.


Related Articles

Trasferimenti erariali: disposto il pagamento in acconto dell’Iva sul “Trasporto pubblico locale” per l’anno 2014

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con il Comunicato 10 giugno 2014, ha informato che, con

Tarsu: per escludere il garage dall’ambito applicativo, il contribuente deve provare l’impossibilità di produrre rifiuti nei locali

Nell’Ordinanza n. 7617 del 15 aprile 2016 della Corte di Cassazione, viene rigettato il ricorso proposto da un contribuente verso

Concorso: legittimità della revoca in autotutela prima della conclusione

Nella Sentenza n. 985 del 2 maggio 2019 del Tar Lombardia, un’Azienda socio-sanitaria decide la revoca di una procedura concorsuale