Criteri, metodi e formule matematiche per la valutazione delle offerte: devono essere preventivamente indicati

Criteri, metodi e formule matematiche per la valutazione delle offerte: devono essere preventivamente indicati

Nella Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, in materia di appalti pubblici, in base alla disciplina di settore, e conformemente ai principi sul punto elaborati dalla Corte di Giustizia Ue, i criteri, i metodi e le formule matematiche che presiedono alle attività valutative rimesse agli Organi tecnici incaricati di vagliare le offerte, devono essere preventivamente indicati nella legge di gara e la loro scelta non può essere rimessa al seggio di gara, meno che mai dopo l’apertura delle buste (come verificatosi nel caso di specie).

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Sostituti d’imposta: non è sanzionata l’errata compensazione delle ritenute in eccesso

  Con la Risoluzione n. 7/E del 28 gennaio 2016, l’Agenzia delle Entrate ha disposto la disapplicazione di sanzioni per

Copertura finanziaria per servizio di trasporto per gli asili nido e le scuole dell’infanzia

Nella Delibera n. 34 del 26 marzo 2020 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede se sia possibile dare

Consorzi: “sì” alla stabilizzazione del personale ex art. 4 del Dl. n. 101/13 purché abbiano natura giuridica di diritto pubblico

Nella Delibera n. 95 del 6 aprile 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in