Criteri, metodi e formule matematiche per la valutazione delle offerte: devono essere preventivamente indicati

Criteri, metodi e formule matematiche per la valutazione delle offerte: devono essere preventivamente indicati

Nella Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, in materia di appalti pubblici, in base alla disciplina di settore, e conformemente ai principi sul punto elaborati dalla Corte di Giustizia Ue, i criteri, i metodi e le formule matematiche che presiedono alle attività valutative rimesse agli Organi tecnici incaricati di vagliare le offerte, devono essere preventivamente indicati nella legge di gara e la loro scelta non può essere rimessa al seggio di gara, meno che mai dopo l’apertura delle buste (come verificatosi nel caso di specie).

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5656 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Offerte anomale: applicazione del “fattore di correzione”

Nella Sentenza n. 13 del 30 agosto 2018 del Consiglio di Stato, l’art. 97, comma 2, lett. b), del Dlgs.

Commissione di gara: illegittima composizione se presieduta dal diretto Responsabile del Servizio interessato dal procedimento

Nella Sentenza n. 5100 del 31 ottobre 2017 del Tar Campania, la questione controversa in esame riguarda l’illegittima composizione della