“Data breach”: Garante, le comunicazioni agli utenti non devono essere generiche

“Data breach”: Garante, le comunicazioni agli utenti non devono essere generiche

Le comunicazioni agli utenti dei “data breach” non devono avere carattere generico e devono invece contenere precise indicazioni sulla protezione da usi illeciti dei propri dati, primo fra tutti il furto di identità. È quanto sancito dal Garante della Privacy con il Provvedimento n. 106 del 30 aprile 2019, pubblicato sul proprio sito istituzionale il 30 maggio 2019.

Il Provvedimento in questione riguarda uno tra i principali fornitori nazionali di servizi di posta elettronica e stabilisce quanto segue:

1) ai sensi dell’art. 58, par. 2, lett. e), del Regolamento, ingiunge a […] S.p.a. di comunicare la violazione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Covid-19”: il Comitato tecnico scientifico chiarisce alcuni dubbi relativi alla riapertura delle Scuole

Con il Verbale n. 94 della riunione tenutasi il 7 luglio 2020, il Comitato tecnico scientifico che supporta il Capo

“Fondone”: determinati gli importi spettanti agli Enti Locali a titolo di saldo delle risorse incrementali per il 2021

Con un Comunicato pubblicato il 15 luglio 2021 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per la Finanza locale,

Privacy: adottate in sede europea le “Linee guida” per la valutazione di impatto sulla protezione dei dati

Le Autorità garanti della protezione dati europee riunite nel Gruppo di lavoro ex art. 29 del Regolamento europeo n. 2016/679, hanno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.