Ddl. Concorrenza: Anci, “Urgono correttivi, a rischio risorse importanti per gli Enti Locali”

Ddl. Concorrenza: Anci, “Urgono correttivi, a rischio risorse importanti per gli Enti Locali”

Con un Comunicato diffuso sul proprio sito istituzionale il 21 settembre 2015, l’Anci ha lanciato l’allarme su alcune disposizioni previste dal “Ddl. Concorrenza” (attualmente all’esame della Camera) che rischierebbero di causare gravi ripercussioni, anche economiche, sul sistema dei Comuni.
La misura “incriminata” è la “sospensione del versamento del contributo ambientale per i progetti autonomi presentati dai Produttori che non hanno ancora ricevuto il provvedimento definitivo di funzionamento del sistema proposto, che pone tra l’altro problemi legati al recupero dello stesso. Tale misura – si legge nella Nota Anci – inciderebbe per centinaia di milioni sul sistema che finanzia anche la raccolta differenziata comunale”.
Nella stessa sede sono state formulate dall’Anci anche altre richieste, che riportiamo qui di seguito:
– rivedere i termini di scadenza per la pubblicazione dei bandi di gara per l’affidamento, per ambiti, della concessione del “Servizio di distribuzione del gas naturale”, rispristinando equità e concorrenza;
– eliminare le sanzioni per i Comuni che non rispettano i citati termini, che riducono le risorse economiche derivanti dalle gare, spettanti alle Amministrazioni, per tutta la durata delle concessioni.


Related Articles

“Decreto fiscale”: arriva l’estensione della “rottamazione” delle cartelle anche per i Comuni che non si avvalgono dei servizi Equitalia

Grazie ad un emendamento che sarà inserito nella Legge di conversione del “Decreto fiscale”, anche per i Comuni che non

Bando di gara per affidamento Servizio “Mensa”: legittimo richiedere all’Impresa partecipante l’iscrizione camerale

Nella Sentenza n. 1887 del 30 novembre 2017 del Tar Puglia, un Comune indiceva, con bando di gara, una procedura

Ufficio legale: non può essere posto alle dirette dipendenze del Segretario comunale se privo del titolo di Avvocato

Nella Sentenza n. 486 del 16 febbraio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici hanno affermato che è illegittima la Delibera