Decadenza per mancata conclusione dei lavori del titolo edilizio

Decadenza per mancata conclusione dei lavori del titolo edilizio

Nella Sentenza n. 725 del 20 maggio 2019 del Tar Bari, i Giudici chiariscono che l’Amministrazione comunale non può pronunciare la decadenza per mancata attivazione e conclusione dei lavori, in ordine al titolo edilizio tacito (presuntivamente) formatosi, qualora sia stato richiesto, più volte nel tempo, l’emanazione di un provvedimento espresso. Non è infatti configurabile la decadenza su un atto tacito “condizionato” alla presenza di tutti i requisiti previsti dall’art. 20, comma 8, del Dpr. n. 380/2001 (completezza documentale ed esclusione da vincoli), che sono suscettibili di vario apprezzamento oggettivo e soggettivo (auto-qualificazione) e, quindi, sono indeterminati ex se nel loro contenuto precettivo. Peraltro, i Giudici ricordano che la formazione del “silenzio-assenso” (art. 5 della Legge n. 106/11) sulla domanda di permesso di costruire (art. 20, comma 8, del Dpr. n. 380/2001) postula che l’istanza sia assistita da tutti i presupposti amministrativi e tecnici, sia soggettivi che oggettivi, di accoglibilità, giacché in assenza della documentazione prescritta dalle norme o di uno dei detti presupposti per la realizzazione dell’intervento edilizio, alcun titolo tacito può validamente formarsi.

Detta forma di “silenzio-assenso” non incide in senso abrogativo sull’esistenza del regime autorizzatorio edilizio, che rimane inalterato, bensì introduce solo un’alternativa modalità semplificata di tipo “rimediale” per il conseguimento dell’autorizzazione edilizia anelata, posta nell’interesse del destinatario, che “attende” il provvedimento. Resta pertanto ferma l’irrinunciabilità dell’atto esplicito e formale.


Related Articles

Ici: l’immobile senza un contratto registrato che dimostri l’esistenza della locazione da almeno 2 anni è soggetto ad aliquota maggiorata

Nella Sentenza della Corte di Cassazione n. 23926 dell’11 ottobre 2017, n. 23926, oggetto della controversia è un Regolamento comunale

Banda larga: Mise, “via libera” al Catasto nazionale delle infrastrutture

Nasce il “Catasto nazionale delle infrastrutture”, grazie al quale saranno abbattuti di almeno un terzo i costi di posa della

Tari: Interpello all’Agenzia delle Entrate sui criteri di determinazione della superficie catastale

È stato pubblicato sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate l’Interpello n. 306/2019, rubricato “Interpello art. 11, comma a), Legge

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.