“Decreto Enti Locali”: ripartiti 30 milioni di Euro tra le Province per il conseguimento dell’equilibrio di parte corrente

“Decreto Enti Locali”: ripartiti 30 milioni di Euro tra le Province per il conseguimento dell’equilibrio di parte corrente

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato sul proprio sito il 16 novembre 2015 il Dm. 8 ottobre 2015, con il quale sono state ripartite le risorse destinate alle Province per il conseguimento dell’equilibrio di parte corrente nell’anno 2015.

I contributi, che ammontano complessivamente ad 30 milioni di Euro, coprono meno di un decimo delle richieste – pari a 364.520.823,13 Euro – che erano pervenute al Viminale in attuazione dell’art. 8, comma 13-ter, del Dl. n. 78/15 (c.d. “Decreto Enti Locali”).

Il Decreto, attualmente in attesa di pubblicazione in G.U., reca in allegato gli importi assegnati ad ogni singolo Ente. Per poter beneficiare del contributo, le Province devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • utilizzare integralmente nel 2015 la quota libera dell’avanzo di amministrazione;
  • aver massimizzato tutte le aliquote.

Le quote di contributo attribuite – si legge nel Comunicato della Direzione centrale – potranno essere effettivamente corrisposte soltanto dopo che le risorse saranno rese disponibili sul capitolo di spesa del Ministero dell’Interno”.

Dm. Interno – Province


Related Articles

Consiglieri comunali: l’indennità di funzione alla luce della “Legge Delrio”

Il quesito posto alla Corte dei conti Liguria e risolto con Delibera n. 63 del 5 novembre 2014, riguarda l’ambito

Trasparenza: l’Anac avvia i procedimenti sanzionatori per omessa pubblicazione dei dati previsti dal Dlgs. n. 33/13

L’Anac ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il 25 maggio 2015 i testi di alcuni provvedimenti di ordine adottati nell’ambito

Iva su appalto di lavori: nei rapporti tra Società costituita a seguito di Ati e consociate vale il mandato senza rappresentanza

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 188/E del 12 giugno 2019, ha fornito chiarimenti in ordine all’applicabilità della disciplina