“Decreto Semplificazioni”: il testo della Legge di conversione incassa la fiducia della Camera

“Decreto Semplificazioni”: il testo della Legge di conversione incassa la fiducia della Camera

E’ stata approvata il 6 febbraio 2019, con il voto di fiducia alla Camera, la Legge di conversione del Dl. n. 135 del 14 dicembre 2018, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la Pubblica Amministrazione” (c.d. “Decreto Semplificazione”).

Con un Comunicato pubblicato il 7 febbraio 2019 sul proprio sito istituzionale, Anci ha espresso soddisfazione per alcune norme, fortemente volute dai Comuni, che sono state recepite in sede di conversione.

La prima è quella che dispone il ripristino dei 300 milioni di Euro del “Fondo Imu-Tasi”, con l’aggiunta dei 110 milioni di Euro mancanti e la sostanziale abolizione dei vincoli di destinazione. Importanti anche l’istituzione del Tavolo tecnico per la ristrutturazione del debito, l’incremento del “Fondo per la videosorveglianza” e la possibilità assicurare un ristoro del 100% per le spese dovute a Sentenze conseguenti a calamità naturali, nonché la stabilizzazione dell’utilizzo dei proventi derivanti da alienazioni patrimoniali per l’estinzione anticipata del debito.

Non altrettanta fortuna hanno invece avuto la proposta di emendare la norma della “Legge di bilancio 2019” sulla dimensione dell’accantonamento al “Fondo crediti di dubbia esigibilità” che incide negativamente sugli equilibri di parte corrente e la restrizione dell’anticipazione di Tesoreria (limite ridotto a 4/12 delle entrate), solo parzialmente mitigata dall’anticipo ai prossimi giorni della prima erogazione del “Fondo di solidarietà comunale”.

Altro appello lanciato da Anci e caduto nel vuoto è stato quello di rendere facoltativa, come già previsto per il bilancio consolidato, anche la contabilità economico-patrimoniale per i Comuni sotto i 5.000 abitanti. “L’obbligo di corredare il rendiconto 2018 con i nuovi documenti contabili compromette – secondo Anci – la possibilità di rispettare la scadenza del 30 aprile da parte di 5.700 piccoli Comuni, con le gravi conseguenze che ne derivano, fino allo scioglimento del Consiglio comunale. Soprattutto, si sottolinea come l’introduzione di tale ulteriore adempimento, sia un aggravio insostenibile per gli apparati tecnici dei Comuni e non dia nessun contributo alla conoscibilità degli assetti finanziari locali”.

Infine, è stata solo parzialmente accolta la proposta di eliminare il tetto al salario accessorio dei funzionari intermedi dei Comuni (“posizioni organizzative”), inaspettatamente limitata ai soli Comuni privi di dirigenza. Tale limitazione, secondo l’Associazione nazionale dei Comuni, “non ha ragion d’essere e rischia di vanificare la norma del Contratto che è invece finalizzata a valorizzare le professionalità intermedie di tutti i Comuni”.


Related Articles

“Pareggio di bilancio”: emanato il Decreto che ripartisce gli spazi finanziari per il 2017

É stato pubblicato sul sito ufficiale della Ragioneria generale dello Stato il Dm. n. 41337 del 14 marzo 2017 (in

Società partecipate: in caso di danno causato da condotte illecite degli Amministratori, la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 15199 del 21 luglio 2015 la Corte di Cassazione statuisce che spetta al Giudice ordinario la competenza

Notifiche: in G.U. il Decreto sul rilascio delle licenze individuali per lo svolgimento dei servizi di notificazione a mezzo posta

È stato pubblicato sulla G.U. n. 208 del 7 settembre 2018 il Decreto Mise 19 luglio 2018, rubricato “Disciplinare delle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.