Deficitarietà strutturale: approvati i Modelli per le certificazioni inerenti la dimostrazione del costo dei servizi 2017

Deficitarietà strutturale: approvati i Modelli per le certificazioni inerenti la dimostrazione del costo dei servizi 2017

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 105 dell’8 maggio 2018 il Decreto Ministero dell’Interno 23 aprile 2018, recante “Dimostrazione della copertura del costo dei servizi per l’anno 2017 per gli Enti in condizione di deficitarietà strutturale ed Enti equiparati dalla normativa”.

Il Decreto reca in allegato i Modelli delle citate certificazioni per il 2017 e individua i termini entro cui dovranno essere trasmesse alle competenti Prefetture-Uffici Territoriali del Governo.

Amministrazioni interessate

Sono tenuti all’invio delle certificazioni i Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Comunità montane che si trovano in condizione di deficitarietà strutturale ex art. 242 del Tuel e che devono pertanto dimostrare – sulla base delle risultanze contabili dell’esercizio finanziario 2017 – la copertura del costo complessivo di gestione dei “servizi a domanda individuale”, del “Servizio per la gestione dei rifiuti urbani” e del “Servizio di acquedotto”.

Sono inoltre soggetti a questi controlli gli Enti Locali che non presentino il certificato al rendiconto della gestione, gli Enti Locali che non hanno approvato nei termini di legge il rendiconto della gestione sino all’adempimento, gli Enti Locali dissestati per la durata del risanamento e quelli che fanno ricorso alla “Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale”.

Modalità di trasmissione

I certificati devono essere trasmessi alle Prefetture-Uffici territoriali del Governo competenti per territorio, anche se parzialmente o totalmente negativi, entro il termine perentorio del 5 luglio 2018 per la certificazione relativa alle risultanze contabili all’esercizio finanziario 2017.


Related Articles

Rideterminazione della rendita catastale: è retroattiva se si correggono errori insiti nell’originario provvedimento

Nell’Ordinanza n. 13846 del 31 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda la violazione dell’art. 74 della

Annullamento gara: non può chiederlo chi si è astenuto dal partecipare

Nella Sentenza n. 593 del 2 settembre 2016, Sezione Prima, Tar Umbria, viene impugnato l’avviso di gara per la concessione

Armonizzazione: diffuso il primo Decreto ministeriale correttivo

E’ stato pubblicato sul portale Arconet il Dm. Mef 20 maggio 2015, con il quale vengono aggiornati gli allegati al