Determinazione delle indennità di funzione/gettoni di presenza spettanti agli Amministratori di Comuni con meno di 1.000 abitanti

Determinazione delle indennità di funzione/gettoni di presenza spettanti agli Amministratori di Comuni con meno di 1.000 abitanti

Nella Delibera n. 42 del 3 ottobre 2019 della Corte dei conti Marche, viene chiesto un parere sulla corretta determinazione delle indennità di funzione/gettoni di presenza spettanti agli Amministratori locali di Comuni con meno di 1.000 abitanti.

La Sezione chiarisce che l’indennità di funzione del Sindaco e degli Assessori nel Comune interessato dovrà essere calcolata alla stregua della Tabella “A” allegata al Dm. n. 119/2000, con la decurtazione del 10% prevista dall’art. 1, comma 54, della Legge n. 266/2005. Per contro, vanno annoverati nel computo degli oneri soggetti all’invarianza della spesa tutti gli esborsi, di natura variabile, connessi allo status di Amministratore di cui al Titolo III, Parte IV del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), ad eccezione di quelli relativi ai permessi retribuiti, agli oneri previdenziali, assistenziali ed assicurativi, di cui agli artt. 80 ed 86 del Tuel, espressamente esclusi da detta disposizione.

Peraltro, la Sezione precisa che l’indennità di funzione del Sindaco e degli Amministratori locali è tolta alla disciplina dell’art. 1, comma 136, della Legge n. 56/2014, di contenimento e neutralizzazione dei possibili incrementi di spesa. Per quanto concerne il Vice-Sindaco, l’art. 16, comma 18, del Dl. n. 118/2011 – che dispone che ai Consiglieri dei Comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti, che svolgano anche detta funzione, non sono applicabili le disposizioni di cui all’art. 82 del Tuel (in materia di indennità di funzione), né quelle dell’art. 80 del Tuel (in materia di oneri per permessi retribuiti) – è stata abrogato.

Dunque, in conclusione, nei Comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti, senza dover far riferimento ad alcun tetto di spesa complessivo, l’indennità di funzione deve essere applicata nella misura percentuale prevista dall’Allegato “A” al citato Dm. n. 119/2000 (al Vice-Sindaco il 15% dell’indennità del Sindaco, agli assessori il 10%) con l’abbattimento del 10% ai sensi dell’art. 1, comma 54, della Legge n. 266/2005.


Related Articles

Dopo l’intervento della Consulta il “Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica” è ancora in piedi

In esito alla Sentenza della Corte Costituzionale n. 251 del 2016 – che ha dichiarato “l’illegittimità costituzionale [anche] dell’art. 18,

Elenco Revisori Enti Locali: prima modifica per l’anno 2020

È stato pubblicato sul sito web del Ministero dell’Interno, Dipartimento Interni e Affari Territoriali, il Decreto Ministeriale 15 gennaio 2020,

Intese regionali e “Patti di solidarietà nazionale”: in G.U. il Dpcm. contenente modifiche alle modalità attuative

È stato pubblicato sulla G.U. n. 135 del 13 giugno 2018 il Dpcm. 23 aprile 2018, n. 67, contenente il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.