Dichiarazione “730/2022”: approvato il Modello e le relative Istruzioni ministeriali

Dichiarazione “730/2022”: approvato il Modello e le relative Istruzioni ministeriali

Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 14 gennaio 2022, sono stati approvati i Modelli “730”, “730-1”, “730-2” per i sostituti d’imposta, “730-2” per Caf e Professionisti abilitati, “730-3”, “730-4”, “730-4 integrativo”, con le relative Istruzioni ministeriali, bolla per la consegna del Modello “730-1”, inerenti la Dichiarazione semplificata agli effetti dell’Irpef, da presentare nell’anno 2022 da parte dei soggetti che si avvalgono dell’assistenza fiscale.

La scadenza di invio del Modello è fissata al 30 settembre. 

Riguardo alle novità, trovano spazio gli adeguamenti del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione a favore dei lavoratori dipendenti e assimilati. Fanno il loro ingresso il nuovo “Bonus Musica”, che riguarda le spese relative a Scuole di musica, conservatori e cori, sostenute per bambini e ragazzi fino a 18 anni, e l’estensione del “Superbonus” all’abbattimento delle barriere architettoniche, con l’aliquota maggiorata del 110% in caso di spese effettuate unitamente agli Interventi “Sismabonus” ed “Ecobonus”. Tra le altre novità, il credito d’imposta per l’acquisto con Iva della “prima casa”, dedicato agli under 36, e quello per l’installazione di Sistemi di filtraggio e miglioramento qualitativo dell’acqua. Aumentano infine le detrazioni per spese veterinarie e “Bonus Mobili”.

Consegna delle Dichiarazioni Modello “730

I sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale nell’anno 2022 devono trasmettere all’Agenzia delle Entrate in via telematica, direttamente ovvero tramite un soggetto incaricato della trasmissione telematica, i dati contenuti nelle Dichiarazioni Modello “730/2022” e nei Modelli “730-4” osservando le specifiche tecniche che saranno approvate con successivo Provvedimento. 

In caso di consegna delle predette Dichiarazioni ad un soggetto incaricato della trasmissione telematica i sostituti d’imposta devono utilizzare la bolla di consegna di cui all’Allegato 1 al Provvedimento, nella quale devono essere riportati i codici fiscali dei soggetti ai quali è stata prestata l’assistenza fiscale. 

I Caf ed i Professionisti abilitati devono trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati contenuti nelle dichiarazioni Modello “730/2022”, nei Modelli “730-4” e nelle schede relative alle scelte dell’otto, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef osservando le specifiche tecniche che saranno approvate con successivo Provvedimento. 

I soggetti che prestano l’assistenza fiscale devono comunque essere in grado di fornire, anche in copia, le Dichiarazioni Modello “730” da essi elaborate entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta da parte dell’Agenzia delle Entrate. 

Dichiarazione dei redditi precompilata 

La Dichiarazione dei redditi precompilata di cui all’art. 1 del Dlgs. n. 175/2014, è redatta utilizzando i modelli approvati col medesimo Provvedimento. 


Related Articles

Revisori Enti Locali: sono 16.857 i professionisti iscritti all’Elenco 2015

  Sono 16.857 i Revisori degli Enti Locali iscritti nell’Elenco 2015 del Ministero dell’Interno per il 2015. Lo si apprende

Revisori dei conti di un Comune: confermato il diritto di percepire il compenso per chi è anche Consigliere in altro Ente

Nella Delibera n. 305 del 7 giugno 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha chiesto un parere nel

Campi rom: Interno e Anci insieme per individuare soluzioni abitative alternative

Il Governo predisporrà un Fondo per il superamento dei campi rom e l’individuazione di soluzioni abitative diverse e “degne” e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.