“Dichiarazione precompilata 2017”: aperti i canali telematici per l’invio delle spese 2016, c’è tempo fino al 28 febbraio 2017

“Dichiarazione precompilata 2017”: aperti i canali telematici per l’invio delle spese 2016, c’è tempo fino al 28 febbraio 2017

Sono ufficialmente attivi tutti i canali telematici attraverso i quali possono essere trasmesse all’Anagrafe tributaria i dati relativi alle spese 2016, utili ai fini della predisposizione delle “Dichiarazioni precompilate 2017”.

Ad annunciarlo, con una Nota diffusa lo scorso 31 gennaio 2016, è stata l’Agenzia delle Entrate,precisando che il termine per farlo è il 28 febbraio 2017.

Oggetto della comunicazione in questione sono informazioni relative a contratti e premi assicurativi, interessi passivi per contratti dimutuo, spese o rimborsi delle spese sanitarie e universitarie, contributiversati alle forme pensionistiche complementari e spese di ristrutturazione o risparmioenergetico sulle parti comuni del condominio.

Nello specifico, per comunicare informazioni che abbiano a che fare con le assicurazioni, ci si dovrà servire della Piattaforma “Sid” (“Sistema di interscambio dati”), mentre gli altri operatori dovranno usare “Entratel” o “Fisconline”, anche tramite Intermediario.

Da quest’anno – si legge nella comunicazione dell’Amministrazione finanziaria –i moduli di controllo sono già installati all’interno della piattaforma ‘Desktop Telematico’, per le applicazioni Entratel e File Internet, quindi non sarànecessario alcun aggiornamento poiché il modulo di controllo si aggiorneràautomaticamente all’interno della piattaforma nel momento in cui questa verrà avviata”.

Gli operatori potranno effettuare 3 tipi di invio:

– “ordinario”, ma non necessariamente unico, dato che possono essere aggiunte informazioni rispetto a quelle inviate in precedenza con invii ordinari successivi al primo;

– “sostitutivo”, in cui le informazioni inserite vanno a sostituire a quelleprecedentemente inviate;

– “di annullamento”, in cui si elimina una comunicazioneordinaria o sostitutiva già trasmessa.


Related Articles

Servizi Demografici: Viminale, “Stop alle richieste di legalizzare gli atti pubblici marocchini muniti di apostille, non occorre più dal 2016”

Le Autorità italiane continuano a richiedere la legalizzazione consolare di atti pubblici marocchini, già muniti di “apostille”, nonostante questo non

Previdenza integrativa: siglato l’Accordo sull’iscrizione automatica dei dipendenti al “Fondo Perseo Sirio”

In attuazione delle previsioni dettate dall’art. 1, comma 157, della Legge n. 205/2017 (“Legge di bilancio 2018”), Aran e sindacati,

Ici e unità immobiliari di proprietà di un Istituto religioso adibite ad attività didattica

Nella Sentenza n. 13574 del 30 maggio 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’impugnazione di un avviso