Dichiarazione sull’esistenza di una pertinenza: in sede contenziosa può essere superata dalla prova del contribuente

Dichiarazione sull’esistenza di una pertinenza: in sede contenziosa può essere superata dalla prova del contribuente

 

Nella Sentenza n. 19126 del 28 settembre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che la nozione di “pertinenza”, in quanto non fornita dalla legge tributaria, resta quella di cui alla nozione generale contenuta nell’art. 817 del Codice civile. In sostanza, quando nella medesima porzione immobiliare coesistono accessorietà ed edificabilità, l’effetto attrattivo che discende dal vincolo d’asservimento, rende irrilevante l’altra destinazione, dato che essa è strumentale a fini estranei al rapporto con la cosa principale. Inoltre, la Suprema Corte chiarisce che il regime in esame trova applicazione “solo se la natura pertinenziale resta convalidata mediante la verifica in concreto dei presupposti, oggettivo e soggettivo, posti dalla norma ordinaria” dell’art. 817 del Cc., e cioè sulla destinazione effettiva e concreta della cosa al servizio od ornamento di un’altra (criterio oggettivo) e sulla volontà di dar vita ad un vincolo di accessorietà “durevole” (criterio soggettivo).

Dunque, si tratta di un criterio, fattuale che impone una “indagine”, al fine di accertare “un’oggettiva e funzionale modificazione dello stato dei luoghi che sterilizzi in concreto e stabilmente lo ius edificandi e che non si risolva, quindi, in un mero collegamento materiale, rimovibile ad libitum”.

La necessità della preventiva dichiarazione al Comune dell’esistenza di una pertinenza può essere superata dalla prova offerta dal contribuente, nel procedimento contenzioso instaurato per contestare la pretesa tributaria, della pertinenzialità dell’area stessa,sia pure con riferimento alla dichiarazione dei redditi, trattandosi di omissione emendabile in sede giudiziale atteso il diverso piano su cui operano le norme in materia di accertamento e riscossione rispetto a quelle che governano il processo tributario.


Related Articles

“Piano casa”: chiarimenti del Ministero dell’Interno sull’applicazione delle norme anti abusivismo

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha chiarito – con la Circolare n. 14 del 1˚

Proventi estrazione petrolifera: illegittimo cedere il credito futuro spettante al Comune

Nella Delibera n. 40 del 14 settembre 2016 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco espone che in futuro l’Ente

Processo tributario: avviso di ricevimento

Nell’Ordinanza n. 22406 del 6 settembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, nel Processo tributario,