Dipendente comunale che svolge lavoro subordinato a vantaggio di terzi: in caso di mancata autorizzazione, c’è danno erariale

Dipendente comunale che svolge lavoro subordinato a vantaggio di terzi: in caso di mancata autorizzazione, c’è danno erariale

Nella Sentenza n. 492 del 26 settembre 2018 della Corte dei conti Lazio, la Sezione afferma che senza la preventiva autorizzazione dell’Ente di appartenenza, un dipendente pubblico non può svolgere lavoro subordinato a vantaggio di terzi. In particolare, la questione controversa in esame riguarda un’ipotesi di danno erariale subito dall’Inps, ad opera di un soggetto che, nel periodo dal 2004 al 2006, in violazione dell’art. 53 del Dlgs. n. 165/2001 ha svolto, in assenza di autorizzazione, attività di lavoro subordinato a favore di terzi nonostante la sua qualifica (dal 2004) di pubblico dipendente. La Sezione pone in evidenza l’art. 53,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Accesso ai documenti in fase esecutiva: va escluso se finalizzato ad un controllo generalizzato sull’attività dell’aggiudicatario

Nella Sentenza n. 577 del 17 aprile 2019 del Tar Toscana, i Giudici rilevano che nei rapporti tra “accesso ai

Fondi Ue: i primi progetti del “Piano Juncker” partono in Italia

  Con un Comunicato pubblicato sul proprio sito il 16 luglio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato

Personale Enti Locali: il “Ddl. Stabilità” proroga il blocco economico della contrattazione nazionale anche per il 2015

L’art. 21, comma 1, del “Ddl. Stabilità 2015” proroga anche per l’anno 2015 il blocco economico della contrattazione nazionale del

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.