Dipendente comunale che svolge lavoro subordinato a vantaggio di terzi: in caso di mancata autorizzazione, c’è danno erariale

Dipendente comunale che svolge lavoro subordinato a vantaggio di terzi: in caso di mancata autorizzazione, c’è danno erariale

Nella Sentenza n. 492 del 26 settembre 2018 della Corte dei conti Lazio, la Sezione afferma che senza la preventiva autorizzazione dell’Ente di appartenenza, un dipendente pubblico non può svolgere lavoro subordinato a vantaggio di terzi. In particolare, la questione controversa in esame riguarda un’ipotesi di danno erariale subito dall’Inps, ad opera di un soggetto che, nel periodo dal 2004 al 2006, in violazione dell’art. 53 del Dlgs. n. 165/2001 ha svolto, in assenza di autorizzazione, attività di lavoro subordinato a favore di terzi nonostante la sua qualifica (dal 2004) di pubblico dipendente. La Sezione pone in evidenza l’art. 53,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Integrazione della documentazione a seguito dell’attivazione del “soccorso istruttorio”

Nella Sentenza n. 3592 del 29 maggio 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che ha natura perentoria il

Revisione parziale del classamento: è soggetto alle stesse regole della revisione non parziale

Nell’Ordinanza n. 12605 del 10 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il procedimento di

Concorso riservato agli “interni”: legittimo il criterio che favorisce maggiormente il servizio svolto all’interno dell’Ente

Nella Sentenza n. 146 del 12 febbraio 2020 del Tar Veneto, la controversia scaturiva dal ricorso presentato da un dipendente

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.