Diritti di rogito: vanno tenute distinte le posizioni del Segretario in convenzione tra due Comuni

Diritti di rogito: vanno tenute distinte le posizioni del Segretario in convenzione tra due Comuni

Nella Delibera n. 393 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Toscana, la richiesta di parere in esame ha ad oggetto l’attribuibilità dei diritti di rogito al Segretario comunale titolare dell’ufficio in convenzione tra due Comuni, di cui uno soltanto dotato di posizione dirigenziale, alla luce delle modifiche introdotte dall’art. 10, comma 2-bis del Dl. n. 90/14, convertito con modificazioni dalla Legge n. 114/14. La Sezione osserva che tale norma, abrogando il previgente art. 41, comma 4, della Legge n. 312/80, ha stabilito il principio della integrale spettanza dei diritti di rogito a Comuni e Province, concependo l’erogazione di una parte di tali diritti in favore dei Segretari comunali come un’eccezione alla disciplina generale; eccezione basata sul duplice presupposto della non esistenza di una posizione dirigenziale presso l’ente in cui il Segretario presta servizio e del non possesso, da parte del Segretario stesso, della qualifica dirigenziale. L’anzidetta deroga rispetto al principio generale della non debenza dei diritti di rogito ai Segretari comunali trova giustificazione nella volontà di contemperare l’esigenza di maggiori entrate degli Enti Locali con una finalità perequativa, a tutela delle sole situazioni retributive meno vantaggiose. In base a tali considerazioni, la corresponsione dei diritti di rogito compete esclusivamente ai Segretari di Comuni di piccole dimensioni collocati in fascia C, e non spetta invece ai Segretari che godono di equiparazione alla dirigenza, sia tale equiparazione assicurata dalla appartenenza alle fasce A e B, sia essa effetto del “galleggiamento” ai sensi dell’art. 41, comma 5 del Ccnl di categoria, nei Comuni di maggiori dimensioni. In base a quanto sopra esposto, benché il caso di specie, segretario comunale in convenzione tra due enti, di cui uno dotato e l’altro sprovvisto di posizione dirigenziale, non trovi esplicita soluzione nella disposizione in parola, la Sezione ritiene che la ratio perequativa della norma, consenta di tenere distinte le posizioni del Segretario nei confronti dei singoli Enti Locali di appartenenza. Dunque, laddove il Segretario sia collocato in fascia C, il Comune sprovvisto di posizione dirigenziale dovrà corrispondergli i diritti di rogito, nei limiti previsti dalla legge. E’ di tutta evidenza che, ove invece il Segretario cmunale sia un dirigente, non potrà essergli corrisposto il diritto in questione, neppure nel Comune di più piccole dimensioni.


Related Articles

La crisi sarà l’occasione per scardinare le ataviche inefficienze della Pubblica Amministrazione italiana?

NE DISCUTERANNO SABATO 28 NOVEMBRE 2020, VIRTUALMENTE OSPITATI DA CENTRO STUDI ENTI LOCALI, PERSONAGGI DI SPICCO DEL MONDO DELLE ISTITUZIONI

Assemblea Anci 2016: Renzi su riforma P.A. “Ok sblocco contratti ma va rottamata filosofia Checco-Zaloniana”

“Una delle sfide più importanti, deve essere un valore servire lo Stato, l’impiegato pubblico deve sentire l’onore del servizio. Va