Disciplina delle pubbliche affissioni: vi sono soggetti anche i manifesti a contenuto sociale o istituzionale

Disciplina delle pubbliche affissioni: vi sono soggetti anche i manifesti a contenuto sociale o istituzionale

Nella Sentenza n. 22361 del 22 ottobre 2014 della Corte di Cassazione, un soggetto con ricorso propone opposizione avverso il verbale di contestazione della Polizia municipale con il quale gli era stata contestata la violazione in materia di diritti sulle pubbliche affissioni ai sensi dell’art. 24 del Dlgs. n. 507/93 per avere effettuato una affissione di manifesti senza la prescritta dichiarazione dell’art. 8 del Dlgs. n. 507/93. L’opponente contesta di essere tenuto a effettuare la dichiarazione dell’art. 8 in quanto per l’affissione del messaggio (di propaganda ideologica e non a contenuto pubblicitario) non era necessaria alcuna dichiarazione e la relativa affissione non era soggetta a tributo. La Suprema Corte osserva il Dlgs. n. 507/93 che disciplina sia la pubblicità che le pubbliche affissioni non aventi contenuto pubblicitario e, come già rilevato dalla Corte di Cassazione nella Sentenza n. 9290/06, i messaggi di propaganda ideologica, contenuti in pubbliche affissioni, non esulano dall’ambito applicazione dell’art. 18 del Dlgs. n. 507/93 e del Regolamento comunale attuativo e richiedono quindi la prescritta autorizzazione. L’art.18 prevede espressamente l’istituzione del servizio comunale delle pubbliche affissioni, volto ad assicurare non solo i messaggi diffusi nell’esercizio attività economiche, ma anche a garantire l’affissione di manifesti di qualunque materiale costituiti, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali o comunque prive di rilevanza economica. Inoltre i Giudici di legittimità osservano l’art. 19, comma 6 del Dlgs. n. 507/93 che stabilisce che “le disposizioni previste per l’imposta sulla pubblicita’ si applicano, per quanto compatibili, anche al diritto sulle pubbliche affissioni”. Pertanto, l’obbligo di dichiarazione, previsto dall’art. 8 a carico del soggetto passivo dell’imposta sulla pubblicità, grava anche sul soggetto che intenda effettuare una affissione che non contenga un messaggio pubblicitario. La violazione è sanzionata dall’art. 24.


Tags assigned to this article:
affissionicassazione

Related Articles

Tarsu: legittimo non esonerare dal pagamento il detentore di rifiuti che li smaltisce privatamente

Nella Sentenza C-551/2013 del 18 dicembre 2014 della Corte di Giustizia dell’Unione europea, una Società proprietaria di un complesso turistico

Dichiarazione “Irap/2021”: approvati il Modello e le Istruzioni ministeriali

Con il Provvedimento 29 gennaio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il Modello “Irap/2021” e le relative Istruzioni ministeriali. Con

“Codice della Crisi”: strumenti di allerta e responsabilità degli Amministratori a seguito degli emendamenti introdotti dal Dlgs. n. 147/2020

Premesse Come noto, con il c.d. “Decreto Liquidità” (Dl. n. 23/2020), il Legislatore ha differito al 1° settembre 2021 (da