“Disposizioni anticipate di trattamento”: in vigore il Regolamento sulle modalità di raccolta

“Disposizioni anticipate di trattamento”: in vigore il Regolamento sulle modalità di raccolta

È entrato in vigore dal 1° febbraio 2020 il Regolamento concernente la Banca-dati nazionale destinata alla registrazione delle “Disposizioni anticipate di trattamento” (“Dat”) previsto dal Decreto del Ministero della Salute 10 dicembre 2019, n. 168, e pubblicato nella G.U. n. 13 del 17 gennaio 2020. 

Il Regolamento stabilisce le modalità di raccolta delle copie delle “Dat” nella Banca-dati nazionale, istituita presso il Ministero della Salute e gestita dalla Direzione generale competente in materia di Digitalizzazione e Sistemi informativi sanitari. Inoltre, definisce il funzionamento ed i contenuti informativi della Banca-dati e le modalità di accesso alla stessa da parte dei soggetti legittimati, individuati negli Ufficiali di Stato civile dei Comuni di residenza dei disponenti, o loro delegati, nonché gli Ufficiali di Stato civile delle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero. 

Gli Ufficiali di Stato civile dovranno trasmettere al Ministero della Salute, entro 60 giorni dall’attivazione della Banca-dati nazionale delle “Dat”, un Elenco nominativo delle persone che hanno espresso dichiarazioni anticipate di trattamento antecedentemente alla realizzazione della Banca-dati nazionale, cioè a partire dal 31 gennaio 2018, data di entrata in vigore della Legge n. 129/2017. Entro 180 giorni dall’attivazione della Banca-dati nazionale, gli Ufficiali di Stato civile dovranno poi trasmettere al Ministero della Salute copie delle “Dat” dei disponenti dell’Elenco.

datiLe copie delle “Dat” depositate prima del 1° febbraio 2020, da acquisire alla Banca-dati nazionale entro il 31 luglio 2020, potranno essere cancellate su richiesta del disponente, poiché prive del suo esplicito consenso. Il nuovo Regolamento prevede infatti l’acquisizione dell’esplicito consenso del disponente.


Related Articles

Contrattazione integrativa e utilizzo dei relativi fondi: misure conseguenti al mancato rispetto di vincoli finanziari

Nella Delibera n. 59 del 2 marzo 2016 della Corte dei conti Puglia, i 2 quesiti posti si riferiscono alla

Onlus: trasferimenti immobiliari in loro favore agevolati dal punto di vista fiscale fino a quando non sarà operativo il “Runts”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello 16 luglio 2019, n. 252, ha fornito chiarimenti in ordine all’applicabilità

Imu: non è possibile prevedere compensi incentivanti per i dipendenti coinvolti nell’attività di recupero dei Tributi erariali

Nella Delibera n. 11 del 18 aprile 2018 della Corte dei conti Basilicata, un Sindaco ha chiesto un parere in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.