Divieto della reformatio in peius: dal 1° gennaio 2014 è venuto meno anche per i Segretari comunali

Divieto della reformatio in peius: dal 1° gennaio 2014 è venuto meno anche per i Segretari comunali

Nella Delibera n. 56 del 20 febbraio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se il personale (in particolare il Segretario) che ha beneficiato, prima del 1°gennaio 2014, del miglior trattamento economico per effetto del divieto di reformatio in peius, possa mantenerlo oppure da tale data questo trattamento debba cessare.

L’origine del principio del divieto di reformatio in peius del trattamento economico dei dipendenti pubblici trasferiti da un Ente all’altro per mobilità volontaria è rinvenibile nell’art. 202 del Dpr. n. 3/57, secondo il quale, “nel caso di passaggio di carriera presso la stessa o diversa Amministrazione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Divieto conferimento incarichi nelle P.A. a soggetti in quiescenza: il Tar Sardegna rimette la questione alla Corte di Giustizia Ue

Nella Sentenza n. 881 del 19 ottobre 2018 del Tar Sardegna, i Giudici rimettono alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea

Case di riposo: le spese sanitarie sostenute dagli ospiti sono deducibili ai fini delle Imposte dirette?

Il testo del quesito: “Qual è la disciplina in materia di deducibilità fiscale ai fini delle Imposte dirette delle spese

Riduzione del cuneo fiscale: introdotte misure di sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti

È stato pubblicato sulla G. U. n. 29 del 5 febbraio 2020 il Dl. 5 febbraio 2020, n. 3, recante