Durc: non permesse regolarizzazioni della posizione previdenziale postume alla gara d’appalto

Durc: non permesse regolarizzazioni della posizione previdenziale postume alla gara d’appalto

Nella Sentenza n. 4801 del 18 novembre 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che non sono consentite regolarizzazioni postume in sede di gara della posizione previdenziale, dovendo l’impresa essere in regola con l’assolvimento degli obblighi previdenziali ed assistenziali fin dalla presentazione dell’offerta e conservare tale stato per tutta la durata della procedura di aggiudicazione e del rapporto con la stazione appaltante, restando dunque irrilevante un eventuale adempimento tardivo dell’obbligazione contributiva.

In sostanza, non si può subordinare il carattere definitivo della violazione previdenziale (che, ai sensi dell’art. 38,del Dlgs. n. 163/06, rappresenta un elemento ostativo alla partecipazione alle gare

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Principio di invarianza della soglia di anomalia e delle medie delle procedure

Non trova applicazione in caso di mera proposta di aggiudicazione Nella Sentenza n. 269 del 13 luglio 2020 del Tar

Convenzioni Consip: per il Mef hanno portato fino al 55% di risparmi sugli acquisti P.A.

Risparmi su energia, telefonia, computer e affini, che hanno toccato – nel caso “record” delle stampanti – il 55%. E’

Sicurezza stradale: legittimo impedire l’installazione di cartelloni pubblicitari che siano visibili anche da strade extraurbane

Nella Sentenza n. 4091 del 28 agosto 2017 del Consiglio di Stato, una Società (operatrice economica del settore dell’installazione di