Edilizia: il Comune può controllare la conformità dell’immobile oggetto di “Cila” alle prescrizioni vigenti

Edilizia: il Comune può controllare la conformità dell’immobile oggetto di “Cila” alle prescrizioni vigenti

Nella Sentenza n. 2052 del 29 novembre 2018 del Tar Catanzaro, la questione controversa in esame riguarda i poteri dell’Amministrazione sulla comunicazione di inizio attività asseverata ex art. 6-bis del Dpr. n. 380/01 (c.d. “Cila”). I Giudici chiariscono che la “Cila” relativa a lavori di manutenzione straordinaria, inoltrata dal privato alla Pubblica Amministrazione, non può essere oggetto di una valutazione in termini di ammissibilità o meno dell’intervento da parte dell’Amministrazione comunale ma, al contempo, a quest’ultima non è precluso il potere di controllare la conformità dell’immobile oggetto di “Cila” alle prescrizioni vigenti in materia.

I Giudici evidenziano che la “Cila” è ritenuta atto avente natura privatistica, come tale non suscettibile di autonoma impugnazione innanzi al Giudice amministrativo. Operando un raffronto con la “Scia”, i Giudici precisano come “l’attività assoggettata a ‘Cila’ non solo è libera, come nei casi di ‘Scia’, ma, a differenza di quest’ultima, non è sottoposta a un controllo sistematico, da espletare sulla base di procedimenti formali e di tempistiche perentorie, ma deve essere soltanto conosciuta dall’Amministrazione, affinché essa possa verificare che, effettivamente, le opere progettate importino un impatto modesto sul territorio”, conseguendo a ciò che “ci si trova… di fronte a un confronto tra un potere meramente sanzionatorio (in caso di ‘Cila’) con un potere repressivo, inibitorio e conformativo, nonché di autotutela (con la ‘Scia’)”. Infine, i Giudici rilevano come la P.A. in materia edilizia mantenga fermo, sulla scorta del regime giuridico di cui all’art. 27 del Dpr. n. 380/2001, un potere di vigilanza contro gli abusi, implicitamente contemplato dallo stesso art. 6-bis del Dpr. n. 380/2001.


Related Articles

Cariche individuali e collegiali dei Comuni: il punto della Corte dei conti Calabria sulla riduzione del 10% degli emolumenti

Nella Delibera n. 31 del 15 febbraio 2018 della Corte dei conti Calabria, vengono chieste delucidazioni rispetto all’applicazione dell’art. 1,

Società: è “in house” se il Comune può nominare la maggioranza degli Organi di direzione

Nella Sentenza n. 5079 del 14 ottobre 2014 del Consiglio di Stato, con distinti ricorsi, successivamente riuniti per connessione, 2

Imu: “no” al riconoscimento di compensi incentivanti per il personale impiegato in Progetti di recupero dell’evasione ed elusione

Nella Delibera n. 72 del 29 marzo 2018 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco chiede se sia regolare e

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.