Edilizia scolastica: ripartiti tra le Regioni 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico delle scuole

Edilizia scolastica: ripartiti tra le Regioni 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico delle scuole

Via libera” del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca al riparto, tra le Regioni, di 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico degli edifici scolastici. A rendere nota l’avvenuta firma del Decreto “ad hoc” da parte della Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, è stata la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di missione per il coordinamento e l’impulso nell’attuazione degli interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica, con il Comunicato 21 luglio 2017.

I 26.404.232 Euro messi sul tavolo dal Provvedimento si vanno a sommare alle altre risorse stanziate annualmente per l’edilizia scolastica e, in particolare, per l’antisismica. Complessivamente, la Regione che si aggiudica l’ammontare più alto delle risorse a disposizione, per un tale di 4.517.764,10 Euro, è la Campania. Seguono Sicilia (Euro 3.952.713,53), Lazio (Euro 2.806.769,86) e Calabria (Euro 2.273.404,38).

I criteri di riparto applicati sono quelli fissati dal Dpcm. 12 ottobre 2015. I fondi, gestiti in raccordo con la Protezione civile, potranno essere spesi per interventi di adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici di proprietà pubblica situati in zone sismiche e per la costruzione di nuovi edifici scolastici ove la realizzazione ex novo dovesse risultare preferibile alla messa in sicurezza di quelli già esistenti.


Related Articles

Baratto amministrativo: non è applicabile se il debitore del Comune è un’impresa

Nella Delibera n. 313 del 21 giugno 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede un parere in materia

Iva: è rilevante per il Comune il Servizio di trasporto turistico con Ape Calessino offerto a pagamento?

Il testo del quesito: “Abbiamo affidato la gestione della cosiddetta ‘Ape Calessino’ e nominato un Agente contabile esterno per incassare la

Credito Iva: il limite massimo per la “compensazione orizzontale” non è in contrasto con la normativa comunitaria

Corte di Giustizia – Settima Sezione- Sentenza del 16 marzo 2017 – Causa C-211/16   Con la Sentenza della Corte