Edilizia scolastica: ripartiti tra le Regioni 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico delle scuole

Edilizia scolastica: ripartiti tra le Regioni 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico delle scuole

Via libera” del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca al riparto, tra le Regioni, di 26,4 milioni di Euro per l’adeguamento sismico degli edifici scolastici. A rendere nota l’avvenuta firma del Decreto “ad hoc” da parte della Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, è stata la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di missione per il coordinamento e l’impulso nell’attuazione degli interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica, con il Comunicato 21 luglio 2017.

I 26.404.232 Euro messi sul tavolo dal Provvedimento si vanno a sommare alle altre risorse stanziate annualmente per l’edilizia scolastica e, in particolare, per l’antisismica. Complessivamente, la Regione che si aggiudica l’ammontare più alto delle risorse a disposizione, per un tale di 4.517.764,10 Euro, è la Campania. Seguono Sicilia (Euro 3.952.713,53), Lazio (Euro 2.806.769,86) e Calabria (Euro 2.273.404,38).

I criteri di riparto applicati sono quelli fissati dal Dpcm. 12 ottobre 2015. I fondi, gestiti in raccordo con la Protezione civile, potranno essere spesi per interventi di adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici di proprietà pubblica situati in zone sismiche e per la costruzione di nuovi edifici scolastici ove la realizzazione ex novo dovesse risultare preferibile alla messa in sicurezza di quelli già esistenti.


Related Articles

Edilizia scolastica: via libera dell’Anac alla “scorciatoia” proposta dalla Struttura di missione per velocizzare gli interventi

Gli Enti Locali potranno avviare le procedure di gara per gli interventi di edilizia scolastica di cui all’art. 10, comma

“Covid-19”: pubblicato il Decreto “Cura Italia”, con tutte le novità Fiscali di interesse per gli Enti Locali

È stato pubblicato in G.U. – Serie generale n. 70 del 17 marzo 2020 il Dl. 17 marzo 2020, n.

Province: per la Corte Molise il divieto di assumere a tempo interminato vige anche per le categorie protette

Nella Delibera n. 184 del 13 novembre 2014 della Corte dei conti Molise, il Presidente di una Provincia ha inviato