Edilizia stradale: stanziati 1,15 miliardi per il mantenimento e la costruzione di Ponti e Viadotti

Edilizia stradale: stanziati 1,15 miliardi per il mantenimento e la costruzione di Ponti e Viadotti

Sulla G.U. n. 169 del 16 luglio 2021 è stato pubblicato il Decreto 7 maggio 2021 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, recante la “Ripartizione ed utilizzo dei fondi previsti dall’art. 49 del Dl. n. 104/2000 per la messa in sicurezza dei Ponti e Viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi Ponti in sostituzione di quelli esistenti, con problemi strutturali di sicurezza, della rete viaria di Province e Città metropolitane”.

In totale, i fondi stanziati sono Euro 1,15 miliardi, articolati in Euro 350.000 per l’anno 2021, Euro 450.000 per il 2022, ed Euro 250.000 per il 2023, e potranno essere utilizzati per la messa in sicurezza di Ponti e Viadotti esistenti e per la realizzazione di nuovi Ponti in sostituzione di quelli esistenti che abbiano problemi strutturali di sicurezza. I soggetti attuatori per gli interventi compresi nei Programmi ammessi a finanziamento sono le Province e le Città metropolitane.

Come descritto nell’ “Allegato 1” del Decreto, ai fini della definizione del riparto delle risorse indicate all’art. 49 del Dl. n. 104/2020, sono stati individuati 3 macro-criteri:

  • consistenza della rete viaria – lunghezza delle strade provinciali, con specificazione delle zone montane;
  • consistenza del Parco veicolare – proporzionale al carico dinamico cui sono sottoposti, durante l’esercizio, le opere d’arte in parola;
  • vulnerabilità rispetto ad azioni naturali – individuati in vulnerabilità ai sismi ed a fenomeni di dissesto idrogeologico.

Tenuti presenti i criteri sopra descritti, il Piano di riparto dei fondi è disponibile in “Allegato 3“ del Decreto.


Related Articles

Appalti di servizi: Se le figure di Rup e Direttore coincidono, la quota del 40% a titolo di incentivi spettante al Direttore, viene erogata ugualmente ?

Testo del quesito: “A seguito dell’approvazione di un regolamento post aggiudicazione di una gara, durante le verifiche al fine di

“Reverse charge”: si applica a servizio fornitura pompa impianto di riscaldamento di un Polisportivo comunale?

Il quesito: “Rientra nell’ambito applicativo del ‘reverse charge’ un servizio di fornitura e installazione pompa impianto di riscaldamento presso un

Riscossione coattiva: “sì” all’esenzione da ogni tributo e diritto per le iscrizioni di ipoteca a seguito dell’ingiunzione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione 12 dicembre 2017, n. 149/E, avente ad oggetto “Interpello –

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.