Edilizia, urbanistica e termine decadenziale per l’azione di annullamento

Edilizia, urbanistica e termine decadenziale per l’azione di annullamento

Nella Sentenza n. 4873 del 27 ottobre 2020 del Tar Campania, i Giudici organizzano i Principi sulla verifica della piena conoscenza dei titoli edilizi, al fine di analizzare il rispetto del termine decadenziale per proporre l’azione di annullamento:

– il termine per impugnare il “permesso di costruire” decorre dalla piena conoscenza del provvedimento, che ordinariamente s’intende avvenuta al completamento dei lavori, a meno che sia data prova di una conoscenza anticipata da parte di chi eccepisce la tardività del ricorso anche a mezzo di presunzioni semplici;

– l’inizio dei lavori segna il dies a quo per la tempestiva proposizione del ricorso laddove si contesti l’an dell’edificazione;

– dal momento della constatazione della presenza dello scavo, è ben possibile ricorrere enucleando le censure (ivi comprese quelle in ordine all’asserito divieto di nuova edificazione) senza differire il termine di proposizione del ricorso all’avvenuto positivo disbrigo della pratica di accesso agli atti avviata né, a monte, che si possa differire quest’ultima;

– la richiesta di accesso non è idonea ex se a far differire i termini di proposizione del ricorso perché se, da un lato, deve essere assicurata al vicino la tutela in sede giurisdizionale dei propri interessi nei confronti di un intervento edilizio ritenuto illegittimo, dall’altro lato deve parimenti essere salvaguardato l’interesse del titolare del “permesso di costruire” a che l’esercizio di detta tutela venga attivato senza indugio e non irragionevolmente differito nel tempo, determinando una situazione di incertezza delle situazioni giuridiche contraria ai principi ordinamentali.


Related Articles

“Servizi Demografici”: novità in materia di matrimoni contratti in Italia da cittadini britannici

  La Direzione centrale per i Servizi Demografici del Ministero dell’Interno ha emanato la Circolare n. 10 del 9 luglio

Procedura di gara: illegittima l’esclusione se i curriculum allegati all’offerta tecnica non sono anonimi

Nella Sentenza n. 52 del 13 febbraio 2017 del Tar Molise, una Società ha partecipato alla procedura aperta per la

Pari opportunità e Comitati unici di garanzia: emanata la direttiva della funzione pubblica per la promozione e il rafforzamento

Pubblicata sul sito istituzionale del Dipartimento della Funzione pubblica la Direttiva n. 2 del 26 giugno 2019, recante “Misure per

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.