Enti Locali: assicurazione per i volontari

Enti Locali: assicurazione per i volontari

Nella Delibera n. 26 del 24 novembre 2017 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione ammette l’utilizzazione dei volontari anche individuali da parte degli Enti Locali, prospettando le condizioni per un loro corretto impiego. La Sezione rileva che le attività del volontario non avrebbero carattere sostitutivo dei servizi di competenza del Comune o di mansioni proprie del personale dipendente, così come rivestirebbero carattere occasionale anche se svolte in via continuativa, in quanto i volontari non sarebbero vincolati da alcun obbligo di prestazione lavorativa nei confronti dell’Amministrazione comunale. La Sezione chiarisce che gli Enti Locali possono stipulare, con oneri a loro carico, contratti di assicurazione per infortunio, malattia e responsabilità civile verso terzi a favore di singoli volontari coinvolti in attività di utilità sociale a condizione che, con apposita disciplina regolamentare, siano salvaguardate la libertà di scelta e di collaborazione dei volontari, l’assoluta gratuità della loro attività, l’assenza di qualunque vincolo di subordinazione e la loro incolumità personale.

 

Delibera n. 26 – Corte dei conti Autonomie 2017


Related Articles

Processo tributario: le agevolazioni Ici per abitazione principale spettano all’unita immobiliare solo se rappresenta dimora abituale della famiglia

Nella Sentenza n. 746/66/15 del 3 marzo 2015 della Ctr Lombardia, un contribuente ricorre avverso gli avvisi di accertamento emessi

Trasferimenti erariali: in arrivo le risorse per la manutenzione straordinaria della rete viaria di competenza delle Province

Con il Decreto interministeriale Mef-Interno datato 14 luglio 2017 e pubblicato il 18 luglio 2017 sul portale istituzionale della Direzione

Commercio e attività produttive: gli Enti Locali dovranno tenere conto del “rating di legalità” delle imprese per l’attribuzione di contributi

Le Pubbliche Amministrazioni, compresi gli Enti Locali, che intendano attribuire dei contributi alle imprese, dovranno prevedere delle forme di premialità