Enti Locali: Servizi extrascolastici estesi a favore di soggetti non residenti nel territorio comunale

Enti Locali: Servizi extrascolastici estesi a favore di soggetti non residenti nel territorio comunale

Nella Delibera n. 30 del 23 marzo 2018 della Corte dei conti Piemonte, un Comune chiede un parere sulla possibilità, da parte dell’Amministrazione comunale, di estendere anche a bambini non residenti gli stessi servizi erogati in tema di Scuola primaria ai bimbi residenti. La Sezione evidenzia che, in linea generale, gli Enti Locali, secondo le disposizioni di cui al Dlgs. n. 267/00, rivolgono la propria attività nei confronti della propria popolazione e del proprio territorio, ma non può ritenersi preclusa un’azione comunale diretta ad estendere i Servizi extrascolastici a favore di soggetti non residenti nel territorio comunale, all’esito comunque di una valutazione discrezionale dell’Ente, con il relativo accollo dei corrispondenti oneri contributivi. Il detto allargamento della platea dei destinatari dei Servizi comunali a favore di non residenti deve risultare corroborato da un superiore interesse pubblico e, quindi, da un’utilità effettiva, la quale, anche se in via indiretta, produca un concreto vantaggio nei confronti della stessa collettività territoriale. L’Ente Locale, relativamente alla destinazione di risorse comunali a vantaggio di non residenti, appare legittimato, in funzione della disciplina dell’erogazione dei Servizi complementari extrascolastici, a far ricorso allo strumento del Regolamento volto ad individuare le modalità di gestione cui può far seguito la Convenzione con i diversi Comuni.


Related Articles

Appalti: i chiarimenti non integrano la lex specialis

Nella Sentenza n. 6026 del 2 settembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici hanno escluso che l’Amministrazione, a mezzo

La Fondazione Nuovo Millennio lancia “Scuola Politica – Vivere nella Comunità”, iniziativa di alta formazione, apartitica e bipartisan

Ha preso ufficialmente il via la “Scuola Politica – Vivere nella Comunità”, una iniziativa di alta formazione, apartitica, bipartisan e

Ici: la notifica di un avviso di accertamento eseguita direttamente al Liquidatore della Società è da ritenersi nulla

Nella Sentenza n. 16824 del 7 luglio 2017 della Corte di Cassazione, una Società in liquidazione impugnava l’avviso di liquidazione