Entrate tributarie: balzo di quelle degli Enti territoriali, +7,5%

Entrate tributarie: balzo di quelle degli Enti territoriali, +7,5%

 

Un aumento del 7,5% pari a 1.836 milioni di Euro: è la differenza registrata tra le entrate tributarie degli Enti Locali nel periodo gennaio-giugno 2015 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il dato è emerso dal consueto rapporto sulle entrate tributarie diffuso nei giorni scorsi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze

Il confronto è influenzato dal gettito della “Mini Imu” versata a gennaio 2014 ma di competenza dell’anno 2013 (art. 1, comma 5, del Dl. n. 133/13) e per altro verso dal gettito dell’acconto Tasi 2015 (scadenza 16 giugno), pari a 2.388 milioni di Euro (+220,1%). Per questa ultima Imposta, la variazione positiva di +1.642 milioni diEeuro è dovuta alla circostanza che quest’anno il versamento riguarda tutti i Comuni mentre nel 2014 riguardava solo i Comuni che avevano deliberato in materia entro il mese di maggio 2014.


Related Articles

Ici: fabbricati utilizzati per attività ricettizia e Scuola materna

Nella Sentenza n. 25509 del 18 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione di un avviso di

Atto impositivo e sua notifica: se intestati ad un soggetto inesistente, sono affetti da nullità assoluta e insanabile

Nell’Ordinanza n. 17694 del della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in merito alla notifica di un

Cosap: dal 2018 non vi è più l’obbligo di trasmissione dei Provvedimenti comunali al Mef

Il Dipartimento delle Finanze del Mef, in data 11 gennaio 2018, ha reso noto, tramite il “Portale del Federalismo fiscale”,