Entrate tributarie: in crescita il gettito Irpef, Ires ed Iva, con il primo trimestre che chiude con +3,6%

Entrate tributarie: in crescita il gettito Irpef, Ires ed Iva, con il primo trimestre che chiude con +3,6%

Le entrate tributarie erariali del primo trimestre 2016 hanno superato di oltre 3 miliardi quelle dello scorso anno. Con il Comunicato n. 85 del 5 maggio 2016, il Mef ha tracciato il consueto bilancio mensile, evidenziando che le entrate relative ai mesi di gennaio, febbraio e marzo sono state pari a 92.141 milioni di Euro, con un aumento del 3,6% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Come evidenziato nella Nota del Dicastero, la crescita delle entrate sarebbe stata del 5,5% se non fosse intervenuta la riforma delle modalità di riscossione del canone Rai. In ragione delle novità introdotte dalla “Legge di stabilità 2016”, infatti il gettito che tradizionalmente veniva incassato nei primi mesi dell’anno sarà spalmato, per il 2016, su più mensilità, a partire da luglio.

Nello specifico, il report elaborato dal Mef evidenzia un gettito complessivo delle Imposte dirette pari a 51.764 milioni di Euro, (+ 1.151 milioni di Euro rispetto al 2015). Ad essere aumentate sono, sia le entrate Irpef (+ 4,4%) – trainate soprattutto dall’andamento positivo delle ritenute da lavoro dipendente del settore privato – che quelle Ires, che hanno registrato un incremento di 109 milioni di Euro (+ 16,2% rispetto allo stesso periodo del 2015).

A fare da parziale contrappeso sono state invece le entrate delle Imposte sostitutive sui redditi da capitale e sulle plusvalenze, che hanno registrato un gettito di 639 milioni di Euro (-51,6% rispetto allo stesso periodo del 2015) e l’Imposta sostitutiva sul valore relativo dei fondi pensione, pari a 674 milioni di Euro (-38,8%).

Quanto alle Imposte indirette, il gettito complessivo del primo trimestre è stato pari a 40.377 milioni di Euro, in aumento del 5,4% (+2.085 milioni di Euro) rispetto all’anno precedente.

Il trend positivo delle entrate dell’Iva ha trovato una nuova conferma, segnando un gettito di oltre 23 miliardi (+13,2%).

Con riferimento alle Imposte sulle transazioni, all’incremento del 13,2% delle entrate dell’Imposta di registro ha fatto da contraltare una diminuzione di quelle relative all’Imposta di bollo (-78 milioni di euro).

In risalita, poi, le entrate dell’Accisa sui prodotti energetici, che ha superato quota 5 miliardi (+ 2,2% rispetto allo stesso periodo del 2015).

Chiudono il cerchio le entrate relative ai giochi, che presentano nel complesso una crescita del 13,8% (+ 413 milioni di Euro) e quelle derivanti dall’attività di accertamento e controllo ,che sono invece in calo del 7,3% (- 153 milioni di Euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.


Related Articles

Emergenza abitativa: via libera della Conferenza unificata allo sblocco di risorse per allentare criticità famiglie

E’ stato ratificato, in occasione della Conferenza unificata del 22 gennaio 2015, lo sblocco di risorse per un totale di

Isee: Anci chiede indicazioni alla luce delle Pronunce di Tar e Consiglio di Stato

“E’ necessario che siano individuate e formalizzate tempestivamente precise indicazioni sui comportamenti da tenersi da parte dei Comuni nella fase

Incarichi di staff ex art. 90 Tuel: cessazione in caso di decadenza del Sindaco

Nella Delibera n. 86 del 23 dicembre 2019 della Corte dei conti Emilia-Romagna, un Comune ha chiesto un parere in