Entrate tributarie: in crescita dell’1,6% quelle dei primi 7 mesi del 2017

Entrate tributarie: in crescita dell’1,6% quelle dei primi 7 mesi del 2017

 

Con Comunicato-stampa n. 149 del 5 settembre 2017, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noti i dati relativi alle entrate tributarie erariali accertate,per il periodo gennaio-luglio 2017,in base al criterio della competenza giuridica.

Complessivamente pari a 247.729 milioni di Euro, tali entrate hanno registrato un incremento dell’1,6% (+ 3.871 milioni di Euro) rispetto allo stesso periodo del 2016.

Il gettito dell’anno in corso risente del risultato di luglio,a sua volta influenzato dalla proroga dei termini per il versamento delle Imposte in autoliquidazione, slittati dal 31 luglio al 21 agosto 2017, delle Imposte sostitutive e di tutti i Tributi la cui scadenza di versamento coincide con quella del saldo delle Dichiarazioni dei redditi per i titolari di reddito di impresa e per i lavoratori autonomi.

Neutralizzando gli effetti sul gettito della nuova modalità di pagamento del canone Tv attraverso la bolletta elettrica (i cui versamenti sono partiti a gennaio nel 2017 contro l’agosto2016), la crescita delle entrate tributarie nel periodo considerato risulta pari a +1,2%.

Per quanto riguarda le Imposte dirette, l’aumento è stato dello 0,3% (+392 milioni di Euro). Crescono le entrate Irpef (+2.624 milioni di Euro, pari al 2,6%) ma a questo dato fortemente positivo ha fatto da contraltare un’importante contrazione del gettito Ires, che ha registrato un calo del 6,9%, pari a 1.059 milioni di Euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

In merito alle Imposte indirette invece si rileva un aumento del 3,2% (+3.479 milioni di Euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Positivo, sia l’andamento delle entrate da Iva, cresciute di2.793 milioni di Euro (+4,4%), che quelle delle entrate dell’Accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi (+1,8%) e delle Imposte sulle transazioni immobiliari (+266 milioni di Euro, + 41,4%).

In calo invece il gettito relativo ai Giochi, che ha registrato una variazione negativa di 64 milioni di Euro rispetto allo stesso periodo del 2016.

Chiudono il cerchio le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo, riferite solo ai ruoli dei Tributi erariali, che si sono attestate a 5.015 milioni di Euro (+72 milioni di Euro rispetto al 2016, pari a +1,5%).


Related Articles

Stazioni uniche appaltanti delle Province: al via il Questionario di rilevazione

Con la Nota 23 febbraio 2016, l’Upi ha informato che il gruppo di lavoro per i Servizi ai Comuni sulla

Offerte tecniche: non possono essere rivalutate dopo l’apertura delle offerte economiche

Nella Sentenza n. 2819 del 7 aprile 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici osservano che se è vero, in

“Decreto Cultura”: dall’Agenzia delle Entrate chiarimenti sulle modalità di fruizione del cosiddetto “Art-bonus”

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 24/E del 31 luglio 2014, ha fornito chiarimenti in merito al funzionamento del