Entrate tributarie: quelle degli Enti territoriali in aumento del 4,2% nel primo trimestre 2018

Entrate tributarie: quelle degli Enti territoriali in aumento del 4,2% nel primo trimestre 2018

Le entrate tributarie e contributive nei primi 3 mesi del 2018 mostrano nel complesso un aumento di 5.014 milioni di Euro (+3,3%) rispetto allo scorso anno. L’aumento registrato è dato, sia dalla crescita delle entrate tributarie (+3.612 milioni di Euro, +3,8%) che da quella evidenziata, in termini di cassa, dalle entrate contributive (+1.402 milioni di Euro, +2,4%).

Nello specifico, tra gennaio e marzo 2018, le Imposte contabilizzate al bilancio dello Stato hanno avuto una variazione positiva pari al 2,8% (+2.623 milioni di Euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In crescita anche tutte le entrate degli Enti territoriali (+238 milioni di Euro, +4,2%).

Crescono Addizionali comunali e regionali (rispettivamente, +1,2% e + 2.3%), Irap (+3,2%) e Tasi (+11,1%), ma il balzo più significativo è quello compiuto da Imu e Imis, che aumentano del 34,9% passando da un gettito complessivo di 298 milioni di Euro (primo trimestre 2017) ai 402 milioni di Euro del periodo corrispondente 2018.

In calo invece il gettito relativo agli incassi da attività di accertamento e controllo (-58 milioni di Euro, -2,9%).

Le poste correttive – che nettizzano il bilancio dello Stato – risultano in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2017 (-809 milioni di Euro, -10,8%).


Related Articles

Anagrafe nazionale popolazione residente: pubblicata la Circolare sulle attività di bonifica propedeutica al subentro

E’ stata emanata dal Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, la Circolare n. 15 del 2 gennaio

Contributi 2019 dovuti dagli Enti Locali all’Aran: modalità di riscossione

Con un Comunicato congiunto Aran-Ministero dell’Interno pubblicato sul sito istituzionale dell’Agenzia, in attuazione di quanto previsto dall’art. 46, comma 8

Iva: è detraibile se l’Ufficio non dimostra la malafede del cessionario

Nella Sentenza della Ctp. Lecce n. 186/02/15 del 16 gennaio 2015, la controversia è nata da un avviso di accertamento