Esercizio associato di “funzioni fondamentali” da parte degli Enti Locali

Esercizio associato di “funzioni fondamentali” da parte degli Enti Locali

Nella Delibera n. 10 del 18 febbraio 2016 della Corte dei conti Campania, in occasione della revisione dello statuto di un Consorzio, istituito ai sensi dell’art. 31 del Dlgs. n. 267/00, per la gestione associata dei “Servizi sociali”, di cui alla Legge n. 328/00, nonché per la gestione delle funzioni previste dall’art. 19, lett. g), del Dl. n. 95/12, convertito con modificazioni dalla Legge n. 135/12, per l’adeguamento alle sopraggiunte norme nazionali e regionali (Lr. n. 11/07 – Legge n. 135/12), viene chiesto se nel dimensionamento del nuovo Consiglio di amministrazione vada applicato, per analogia con le Società partecipate degli Enti Locali e degli Enti strumentali, la norma dell’art. 4, commi 4 e 5, del Dl. n. 95/12, convertito con Legge n. 135/12, che prevede il numero di componenti dei Consigli di amministrazione compreso tra 3 e un massimo di 5. La Sezione afferma che la richiesta di parere possa essere scrutinata sotto il profilo dei principi applicabili in materia di riduzione dei costi riconducibili ai Consorzi ancora ammessi dall’ordinamento statale e regionale (Consorzi per l’esercizio associato di servizi e Consorzi per l’esercizio associato di servizi e bacini imbriferi montani, costituiti ai sensi dell’art. 1 della Legge n. 959/53), tra i quali non rientrerebbe prima facie la fattispecie prospettata dall’Ente istante, ascrivibile invece ai Consorzi di funzioni, soppressi ai sensi delle sopra citate leggi statale e regionale. In proposito, la Sezione evidenzia che, in osservanza dei principi di efficacia, efficienza ed economicità, nonché per ragioni di snellezza operativa, sarebbe auspicabile la riduzione del numero dei componenti dei Consigli di amministrazione dei Consorzi, in linea con la generale tendenza del Legislatore al contenimento di Organi collegiali pletorici. Sono peraltro vigenti ben più pregnanti norme volte a ridurne fortemente i costi. In particolare, la Sezione pone in evidenza l’art. 5, comma 7, del Dl. n. 78/10, che si applica a tutti i Consorzi, e statuisce che “tra le forme associative di Enti Locali aventi per oggetto la gestione di servizi e funzioni pubbliche ai cui Amministratori (…) non possono essere attribuite retribuzioni, gettoni e indennità o emolumenti in qualsiasi forma, deve ritenersi che rientrano anche i componenti dei consigli di amministrazione dei consorzi di Enti Locali”.

Corte dei conti Campania – Delibera n. 10 del 18 febbraio 2016


Related Articles

Corte Lombardia: un Ente Locale non può accollarsi l’onere di ripianare le perdite gestionali di una Fondazione

Nella Delibera n. 443 del 30 novembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione statuisce che una Fondazione, dotata

Iva: è imponibile l’obbligazione di “non fare” assunta a seguito di un accordo transattivo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 401 del 10 giugno 2021, ha fornito chiarimenti in ordine

Città metropolitane: in arrivo 56 milioni dal “Fondo per la sicurezza urbana” nel triennio 2021-2023

Con un Comunicato-stampa pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno, è stata resa nota l’avvenuta emanazione del Decreto che attribuisce le